Un viaggio alla scoperta della biologia con “storia di una cellula fantastica”

MeteoWeb

Tutti noi siamo stati un uovo, all’inizio. Ma come era quella cellula, e come è diventata un essere umano? Lo scienziato Carlo Alberto Redi professore di Zoologia all’Università di Pavia, insieme a Manuela Monti (biologa del San Matteo di Pavia) prende la penna per raccontare la storia di questa cellula fantastica nel libro ‘Storia di una cellula fantastica‘ (Sironi Editore), dal 12 maggio in libreria. Partendo dalla loro esperienza sul campo, i due autori ci guidano alle frontiere della scienza biologica, ponendo con precisione questioni etiche molto rilevanti. Dalla conservazione degli oociti, alla produzione artificiale dei gameti, alla regolamentazione della ricerca pubblica e privata: dove vogliamo andare e con quali regole?

Il viaggio ‘dalla cellula uovo‘ tocca altre scienze, l’arte, la letteratura, il folclore e la gastronomia, in una costellazione di curiosità e citazioni: leggeremo di matematica dell’uovo, di formula della sodatura dell’uovo e di metodo per de-sodarlo. E scopriremo che dall’uovo può arrivare una soluzione ecologicamente sostenibile al problema della malnutrizione nel mondo. Alle origini di quasi tutti gli organismi viventi, dagli animali alle piante a noi stessi, c’è infatti un uovo. Che da sempre suscita curiosità e desiderio di scoperta, ispirando scienziati e artisti di ogni epoca: in tutte le culture è simbolo di creazione e di rinascita, di gioia e di rinnovamento. Ma è nella scienza che la cellula uovo risveglia il massimo interesse: staminale per eccellenza, contribuisce alla trasmissione del Dna da una generazione all’altra, vero e proprio veicolo di vita. Scienza, cultura e natura dell’uovo si fondono così in un’unica trattazione ”gustosa” e stimolante.

Redi è socio corrispondente dell’Accademia dei Lincei dal 2004, e membro di numerose associazioni scientifiche, tra cui lo European Center for Law, Science and New Technologies. Managing editor della rivista European Journal of Histochemistry, per Sironi ha pubblicato Il biologo furioso (2011). Manuela Monti è biologa delle cellule germinali. Lavora alla Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo di Pavia e collabora con istituti di ricerca negli USA e in Giappone. Con Redi è coautrice di Staminali. Dai cloni alla medicina rigenerativa (Carocci 2015).