Zika: mancano fondi contro l’epidemia, arrivano solo 2 dei 17 milioni chiesti

MeteoWeb

Solo 2 dei 17 milioni di dollari, chiesti dall’Organizzazione mondiale per la Sanità (Oms) per la lotta contro l’epidemia di zika nel mondo, sono stati donati dalla comunità internazionale. Lo ha denunciato la stessa Oms in una relazione intermedia sullo stato di emergenza e la risposta mondiale al virus in cui lamenta la mancanza di denaro per combatterla. Lo scorso 1° febbraio l’Oms ha dichiarato che l’epidemia di zika era un’emergenza sanitaria di portata internazionale e ha sviluppato un piano per combatterla.

L’agenzia Onu avea chiesto 17,7 milioni di dollari: al momento ne ha ottenuti 2,3 milioni, che rappresenta un gap finanziario di 15,3 milioni. L’Oms ha usato 3,8 milioni di dollari del suo fondo per le emergenze, un importo che la comunità internazionale dovrà ripianare. Il problema, secondo l’Oms, non è solo internazionale ma regionale. Le Americhe sono state la zona più colpita, soprattutto il Brasile dove l’epidemia ha avuto inizio e dove si stima ci possano essere oltre un milione di contagiati. L’Organizzazione panamericana della Salute, ha chiesto 8,1 milioni di dollari per combattere l’epidemia, ed ha ottenuto solo 1,6 milioni. Nel Sud America vi sono 35 dei 60 Paesi e territori che hanno rilevato una trasmissione locale del virus, e dove sono stati riscontrati maggiori legami tra il virus e le malformazioni neonatali.

L’Oms ha fatto sapere che vi sono “sufficienti prove scientifiche” che legano zika a malformazioni nei feti come la microcefalia e la sindrome di Guillian-Barré, una disfunzione neurologica che provoca la paralisi degli organi, inclusi i polmoni.