Agricoltura: Stati Ue non votano per la proroga dell’uso del glifosato

MeteoWeb

La proposta della Commissione Europea di prorogare temporaneamente l’autorizzazione alla vendita del GLIFOSATO non ha raggiunto la necessaria maggioranza qualificata nella riunione di oggi del Comitato Permanente sulle Piante, Animali, Cibo e Alimentazione. Lo ha confermato il vice portavoce capo della Commissione Ue Alexander Winterstein, durante il briefing con la stampa a Bruxelles.

E’ vero che stamani non c’è stata maggioranza qualificata“, ha detto il portavoce, aggiungendo che “tutti devono prendersi le proprie responsabilità. Questa è una responsabilità degli Stati e non è possibile nascondersi dietro la Commissione. Gli Stati membri hanno preso la loro decisione e noi la guarderemo domani nel collegio dei commissari“, che si riunisce a Strasburgo, in Francia, in occasione della sessione plenaria dell’Europarlamento.

Il GLIFOSATO è il principale principio attivo dell’erbicida Roundup, prodotto dalla Monsanto, compagnia per la quale la tedesca Bayer ha avanzato un’offerta da 62 mld di dollari. L’autorizzazione alla vendita del GLIFOSATO nell’Ue scade a fine giugno. Alcuni studi hanno segnalato il rischio che il prodotto possa essere cancerogeno; la Commissione, dopo non essere riuscita a rinnovare l’autorizzazione del GLIFOSATO per 15 anni, ha proposto un rinnovo parziale, per 12-18 mesi, in attesa che ulteriori studi forniscano certezze sulla sicurezza del prodotto per la salute pubblica