Call for Action 2016: rivitalizzare la dieta mediterranea con un’azione comune

MeteoWeb

Dopo la presentazione della Nuova Piramide della Dieta Mediterranea durante la 1st World Conference on the Mediterranean Diet (6,7,8 luglio), IFMeD, con l’azione congiunta di oltre 30 Istituzioni scientifiche internazionali, lancia la Call for Action 2016 per rivitalizzare nei Paesi del Mediterraneo e nel nostro paese, questo modello salutare e sostenibile.

La Call for Action intende valorizzare la Dieta Mediterranea come stile di vita che vada oltre la nutrizione, coinvolgendo gli aspetti di sostenibilità ambientale e il suo valore socio-culturale ed economico, arginando il potenziale pericolo di abbandono di questo patrimonio comune. L’appello, lanciato da IFMeD – International Foundation of the Mediterranean Diet – mira al riconoscimento della Dieta Mediterranea come un elemento decisivo per la sostenibilità del Food System nei Paesi Mediterranei e lo fa attraverso un’azione comune e condivisa, secondo le linee guida dell’Agenda delle Nazioni Unite per lo sviluppo sostenibile per il 2030.

dieta-mediterraneaLa Call for Action si fonda su 5 azioni fondamentali, che concorrono a incentivare l’adozione della “cultura” mediterranea, coinvolgendo sia il mondo accademico e scientifico che l’intera popolazione, anche attraverso un progetto nelle scuole con corsi dedicati alla nutrizione, alla sostenibilità e al patrimonio culturale dei nostri alimenti tradizionali. Per dare seguito immediato all’appello, IFMeD Italia ha lanciato la Campagna Europea di Promozione della Dieta Mediterranea, progetto che mira ad attivare una strategia consensuale e coordinata a livello sovranazionale, con il coinvolgimento di attori pubblici e privati, per promuovere e consolidare i valori e i benefici della Dieta Mediterranea.

La Campagna Europea si presenta come un progetto integrato, rivolto sia alla Comunità scientifica e agli stakeholder nel campo dell’alimentazione, della nutrizione e della salute – attraverso la disseminazione di progetti di ricerca, la partecipazione a eventi, workshop e conferenze locali e internazionali– che ai cittadini, attraverso eventi comunitari e conviviali e una campagna di sensibilizzazione online e offline unica nel suo genere.