Cervicale, è boom in estate: tutti gli errori da evitare

MeteoWeb

Mal di testa, dolore al collo, scricchiolii nel torcere il collo, crampi, giramenti di testa, nausea, tendenza a perdere l’equilibrio, tachicardia, disturbi dell’udito o nella deglutizione, debolezza agli arti superiori: sono questi alcuni sintomi della cervicale che rappresenta una vera e propria emergenza in estate.

Quali sono, dunque, gli errori da evitare per scongiurare il rischio che la sintomatologia si faccia sentire? Evitate, prima di addormentarvi, di leggere o guardare la tv a letto; evitate di rimanere seduti troppo a lungo nella stessa posizione. Mai indirizzare il getto d’aria fredda o il ventilatore direttamente sul vostro corpo. L’aria fredda sul collo sudato provoca un’irritazione dei muscoli e dei nervi con blocchi acuti veramente dolorosi e invalidati. Altra cattiva abitudine è quella di guidare col finestrino aperto e attenzione all’aria condizionata, verificando che il poggiatesta non spinga la testa troppo in avanti. Appoggiate entrambe le braccia sul volante per offrire al corpo uno stile di guida simmetrico.

CERVICALESi ai massaggi dolci, a stretching e allungamenti dolci, no agli sbalzi improvvisi di temperatura. Attenzione agli sforzi fisici e al sollevamento di carichi pesanti. In estate capita spesso, durante un’escursione o una gita, di praticarli, andando incontro a movimenti, torsioni, trazioni anomale dei muscoli del collo e, conseguentemente, ad un attacco di cervicalgia.  Coloro che praticano lavori d’ufficio devono collocare il pc di fronte alla loro persona, prestando attenzione alla sedia che deve consentire di stare drittii con la schiena, senza proiettare il collo in avanti.

CERVICALE 2E’ consigliabile fare ogni mezz’ora circa delle pause, alzandosi. Una pessima abitudine va eliminata: quella di tenere il cellulare incastrato tra collo e spalle mentre con l’altra mano ci si dedica ad un’altra attività. Ciò comporta un inclinamento innaturale della testa. Ginnastiche distensive possono aiutare a sciogliere le tensioni muscolari, così come il praticare attività fisica per due volte a settimana. Infine, un consiglio alle donne: evitate di indossare tacchi alti tutte le sere. Meglio orientarsi su calzature che non superano i 4 cm d’altezza.