Estate: i consigli per proteggere lo smartphone da sabbia, sole e acqua

MeteoWeb

Il sole splende, fa caldo e chi può si organizza per passare un po’ di ore al mare, ma questo potrebbe essere un posto molto ‘rischioso’ per i nostri gadget tecnologici quali smartphone, tablet e così via; ecco quindi alcuni semplici consigli per affrontare senza preoccupazioni le vacanze estive.

IN ACQUA –  Fare attenzione a non riporre il telefono nelle tasche del costume, come faremmo per abitudine con dei pantaloni, per non rischiare brutte sorprese. Nel caso in cui si bagni, è consigliabile cambiare la batteria, togliere la SIM, riporlo in una ciotola di riso per 6/7 ore, smontarlo e tentare di asciugarlo con phon o asciugamano.

smartphone protezioneAL SOLE – Le alte temperature sono deleterie, dopo un pomeriggio di mare ci renderemo conto che la temperatura dello smartphone o del tablet è altissima, schermo e scocche bruceranno. È bene lasciare tutto all’ombra, evitare cover troppo ‘pesanti’ o usare il caricabatteria in orari diurni.

IN SPIAGGIA – I granelli di sabbia sono la causa principale dei malfunzionamenti di alcune componenti come il microfono. Il perché è presto detto: sono talmente piccoli che s’infilano in ogni dove, raggiungendo anche gli spazi più impensabili e minuscoli. Dunque, prima di prendere in mano lo smartphone, asciugarsi bene le mani e assicurarsi di averle pulite. È consigliabile non fare entrare in contatto il dispositivo con il sale dell’acqua marina, che potrebbe risultare corrosivo per le scocche. Quando non lo si utilizza, invece, è bene riporlo in un’ampia borsa, chiusa se possibile ermeticamente in modo da evitare il contatto con la sabbia.