Estate, turismo Basilicata: pochi eventi nella regione, polemiche a Matera

MeteoWeb

Un’estate avara di eventi finora in Basilicata, a parte pochissime eccezioni fra cui il festival internazionale del cinema che si è da poco concluso a Maratea, sul Tirreno. Sono proprio le località balneari ad offrire delle rassegne e dei programmi più vivaci, soprattutto per soddisfare le richieste dei tanti visitatori, anche se ciò sarà evidente soprattutto ad agosto. Finora l’offerta è stata poco allettante. Per le prossime settimane fra gli appuntamenti in programma si segnalano il ”Blues in Town” a Policoro, sullo Jonio, la 17esima edizione del Lucania Film Festival che quest’anno si sposta dal centro storico di Pisticci alla frazione balneare di Marconia, oltre alle varie sagre di paese che caratterizzano soprattutto i piccoli centri. Molta curiosità per lo spettacolo teatrale itinerante ”Sogno di una notte a Quel paese” che si tiene a Colobraro, un paese della collina materana che era accompagnato dal pregiudizio di essere innominabile ed ha utilizzato lo stigma di portare sfortuna con questa iniziativa culturale che gioca con intelligenza sui temi dell”’affascino” e della magia. Situazione paradossale a Matera, traino di immagine e di turismo della Lucania. Il Comune non ha organizzato un cartellone estivo ed ha lasciato l’iniziativa alle associazioni ed ai soggetti culturali che sono molto attivi e agiscono in tutta autonomia. Per il Festival Duni sono stati ospiti Massimo Ranieri e Max Gazzé presso la Cava del Sole ma c’è polemica perché si tratta di eventi a pagamento mentre mancano gli appuntamenti per tutti, ad accesso gratuito. Cittadini e forze politiche di opposizione al governo cittadino lamentano anche l’assenza di programmazione da parte della Fondazione Basilicata-Matera 2019, l’organismo che sta costruendo i programmi per l’anno della capitale europea della cultura. Al momento non sono calendarizzati eventi. Novità di quest’estate, invece, sono due nuovi attrattori turistici e culturali. A Senise sino al 3 settembre si tengono gli spettacoli di ”Magna Grecia, il mito delle origini”, un grande show multimediale che ha inaugurato la nuova e innovativa Arena Sinni, vicina al lago artificiale di Montecotugno. Lo show ha la direzione artistica del regista Emir Kusturica. Largo utilizzo di scenografie digitali realizzate con laser, waterscreen e ledwall in un bacino acquatico reale in cui azioni sceniche dal vivo si alternano alla narrazione per immagini mettendo a confronto teatro e cinema, con la partecipazione di Giancarlo Giannini, Claudio Santamaria, Caterina Murino, Giorgio Colangeli, Christo Jivkov, Giovanni Capalbo, Greta Bellusci, Sabrina Impacciatore e Zeno Atzori. Danzatori, attori e figuranti animano la scena in uno spazio di 4mila metri quadrati con un bacino di acqua di 2300 mq. L’arena Sinni ha una capienza di ben 2500 posti, a ridosso dell’invaso di Montecotugno che sbarra il corso del fiume Sinni. Iniziano oggi, invece, gli spettacoli di ”La signora del lago” a Nemoli, nella zona del monte Sirino. Sono previste diciotto repliche sino al 4 settembre. E’ uno show ‘fantasy’ in chiave musicale che va in scena su un palco che galleggia sul lago Sirino.