Estate, turismo Napoli: 70 serate e oltre 200 eventi “a costo zero”

MeteoWeb

Circa 70 serate e oltre 200 eventi, un cartellone estivo “tutto a costo zero”. Con la carenza di fondi che costringe gli enti locali a stringere la cinghia, il Comune di Napoli, per la definizione del cartellone degli eventi estivi in città, ha compiuto quello che l’assessore alla Cultura Nino Daniele definisce “un vero e proprio miracolo“. Nino Daniele è componente della Giunta de Magistris da maggio 2013 e, come tutti gli attuali assessori, è stato confermato dopo la vittoria alle amministrative di giugno. “Ma, anche se sono lo stesso assessore, nel frattempo ci sono state le elezioni – spiega all’Adnkronos – e non potevamo fare nulla per ragioni non solo oggettive, ma anche di stile, dato che organizzare gli eventi estivi avrebbe previsto fare scelte anche discrezionali in piena campagna elettorale“. Si è dovuto quindi attendere l’insediamento della Giunta a fine giugno per comporre un cartellone di eventi organizzati dal Comune “ma anche altre iniziative autonome inserite nel programma, come il tradizionale cinema all’aperto al Parco del Poggio“. Il tutto “a costo zero“, anche perché il bilancio previsionale è ancora in attesa di approvazione da parte del nuovo Consiglio comunale. “Il programma è di tutto rispetto – spiega – anche e soprattutto per merito degli artisti, delle associazioni, del mondo della cultura e dell’arte napoletano, Noi mettiamo a disposizione location e servizi e i costi artistici vengono coperti con lo ‘sbigliettamento’ o, in alcuni casi, con servizi aggiuntivi come bar e ristorazione“. Anche in occasione della presentazione del programma, l’assessore Daniele si è rivolto alla Regione Campania per “porre un problema di strategia“. L’idea, ribadisce, “è che Regione e Comune, visto che la città di Napoli è il fulcro turistico e culturale della Campania, elaborino un piano strategico, un accordo di programma nel quale la Regione ci dice con certezza nei prossimi anni quali sono i fondi disponibili e quali linee scegliamo come prioritarie per il lavoro di promozione culturale e turistica“. Questo anche “per far sì che non si debba più inventare un miracolo, ma perché si possa programmare una strategia di ampio respiro“. In attesa di novità sul fronte della programmazione, dal 22 luglio e fino a tutto il mese di settembre le location più rappresentative della città ospiteranno spettacoli di ogni genere: performance teatrali e musicali, concerti, reading, spettacoli di danza e mostre si svolgeranno a Maschio Angioino, nel Convento di San Domenico Maggiore, al Pan (Palazzo delle arti di Napoli), a Castel dell’Ovo, nella Casina Pompeiana in Villa comunale, in piazza del Plebiscito, nella storica piazza Mercato, nei parchi e nelle chiese monumentali. Il tema scelto per l’edizione 2016, in occasione del 70° anniversario della nascita della Repubblica Italiana, è “Allo Zenit. Napoletani per Costituzione”, con l’intento di celebrare i valori salienti della Costituzione italiana e quelli che costituiscono le radici dell’Europa unita e della Dichiarazione dei diritti universali dell’uomo.