Lupi da abbattere? La dura replica della LAV al ministro dell’Ambiente Galletti

MeteoWeb

“Secondo il Ministro dell’Ambiente, se il numero di lupi ‘restera’ eccedente’, ne potranno essere uccisi fino al 5% ogni anno. Affermazione senza alcun fondamento scientifico, perche’ gli animali selvatici non sono mai eccedenti rispetto ad un territorio, ma sono sempre in perfetto equilibrio con le risorse che quel territorio offre loro”. Lo afferma in un comunicato Massimo Vitturi, responsabile LAV Area Animali Selvatici. “L’affermazione del Ministro Galletti – continua Vitturi – e’ in contrasto con quanto affermano gli stessi redattori della bozza di ‘Piano di conservazione e gestione del lupo in Italia’, secondo i quali gli abbattimenti non hanno alcun effetto sulle predazioni, come dimostra chiaramente l’esperienza della Francia, dove gli abbattimenti di lupo sono consentiti da anni e dove le proteste degli allevatori sono ben lungi dal diminuire. Uccidere i lupi non porta quindi ad alcuna riduzione del conflitto con gli allevatori, che mantengono le loro greggi al pascolo brado incustodito”. “Abbiamo fornito al Ministro un documento sottoscritto dai maggiori ricercatori mondiali sul lupo – conclude Vitturi – tutti concordi nel sostenere che l’abbattimento non e’ uno strumento utile a ridurre le predazioni. Ma stando alle parole del Ministro, sembra evidente che le richieste degli allevatori piu’ estremisti hanno piu’ valore delle ragioni della scienza mondiale”.