Melanoma cutaneo: ecco come prevenirne l’insorgenza

MeteoWeb

Cosa succede alla cute quando viene esposta alle radiazioni solari senza un’adeguata protezione? Oltre ai danni meno gravi, come scottature, comparsa di rughe e invecchiamento della pelle, c’è il rischio di contrarre un tumore della cute, nello specifico il melanoma cutaneo, uno dei tumori maligni che ha mostrato negli ultimi anni un preoccupante incremento.

Essendo manifestatamente collegato alla stagione estiva, per ridurre i rischi di insorgenza occorre: evitare l’esposizione al sole nelle ore centrali dalla giornata, ossia dalle 12 alle 16, utilizzando una crema solare protettiva a largo spettro, in grado di schermare sia i raggi UVA, responsabili dell’invecchiamento della pelle; che i raggi UVB, responsabili di scottature e ustioni, con fattore schermante alto anche nei giorni in cui il cielo è coperto o sotto l’ombrellone al mare o in piscina, applicando la crema in modo uniforme prima di esporsi al sole e riapplicandola ogni 2 ore quando ci si trova all’aperto, soprattutto dopo una nuotata o dopo aver sudato.

MELANOMA 2E’ consigliabile indossare indumenti adeguati quando ci si abbronza (es. cappelli con visiera, magliette, occhiali da sole ecc).Da evitare le scottature e l’esposizione al sole con profumi ed essenze, controllando i propri nei per verificare eventuali cambiamenti, recandosi dal dermatologo una volta l’anno per effettuare un controllo o comunque ogni volta che si nota una mutazione dei nei. E’ noto che la diagnosi precoce consente di curare la malattia in più del 90% dei casi.Da evitare i bagni di sole protratti per diverse ore consecutive, le lampade e i lettini abbronzanti in quanto l’abbronzatura artificiale è una delle principali cause di melanoma cutaneo.

MELANOMA 1Come riconoscere la trasformazione di un neo preesistente in melanoma? Esiste una regola “alfabetica” utile a memorizzare facilmente questi elementi: A come asimmetria della lesione, B come irregolarità dei bordi; C come colore, D come dimensione superiore a 6 millimetri, E come evoluzione progressiva. Ricapitolando: l’educazione all’esposizione al sole e una visita dermatologica annuale sono le misure più efficaci per sconfiggere questa malattia. Il sole rimane fondamentale per la nostra vita, ma va preso con intelligenza.