Melone estivo: ecco le sue preziose virtù benefiche

MeteoWeb

Il melone estivo (Cucumis melo), appartenente alla famiglia delle Cucurbitacee, è originario dell’Antica Persia. Diffuso in tutto il bacino del Mediterraneo dagli Egizi, fatto conoscere in Europa dai Romani, esso si distingue per la sua corteccia solcata da venature e per la sua gustosa polpa arancione. Tante le sue proprietà benefiche: ricco di zuccheri (saccarosio, fruttosio, glucosio) e di Sali minerali (potassio, sodio,, calcio e fosforo), ha proprietà rinfrescanti, favorisce la rigenerazione cellulare, protegge l’epitelio intestinale, depura i reni e contrasta i bruciori di stomaco. Ipocalorico (contiene solo 34 calorie per 100 grammi), grazie ai carotenoidi ha azione antitumorale, previene infarto e ictus, è una fonte naturale di energia, contrasta l’invecchiamento.

MELONE ESTIVO 1Dissetante, saziante, gustoso, il melone previene la disidratazione, è leggermente lassativo, contrastando stipsi, emorroidi, dolori reumatici; previene i disturbi della pressione nervosa, è un utile regolatore del sistema nervoso, mantiene bassi i livelli di colesterolo nel sangue ed elimina i trigliceridi in eccesso. In ambito cosmetico, il melone viene impiegato per tonificare la pelle, rendendola morbida e vellutata. Esso allevia il bruciore della cute arrossata a seguito dell’esposizione solare, ha effetto lenitivo e cicatrizzante.

Consigli per l’acquisto: la prima cosa da fare è soppesare il frutto, che deve risultare pesante in rapporto alla sua dimensione. Il picciolo si deve staccare facilmente e, dalla parte opposta, la buccia deve cedere leggermente al tatto. Anche l’olfatto può aiutare nella scelta di un buon melone: se risulta profumato, ha raggiunto il giusto grado di maturazione mentre se odora di etere significa che il processo di maturazione è troppo avanzato. Se il peduncolo è avvizzito, il melone presenta un colore giallo paglierino e la polpa si stacca facilmente, potrebbe essere stato utilizzato l’etilene per farlo maturare. Come consumarlo? Crudo, come antipasto o dessert, a colazione o merenda, cotto in composte e confetture, sotto forma di macedonie,frullati, gelati, sorbetti, centrifugati di frutta.