Meteo: da domani afa in aumento, ma poi arriveranno pioggia e calo termico

MeteoWeb

Il caldo che sta attraversando l’Italia in questi giorni sarà caratterizzato da temperature che raggiungeranno valori intorno ai 35 gradi in gran parte del paese, ma con picchi di 37-38 gradi. Anche in ragione dell’assenza di una ventilazione che possa generare ricambi d’aria, i tassi di umidità tenderanno ad aumentare determinando un corrispondente aumento della sensazione di caldo e del disagio che perdurerà in molti casi anche durante le ore notturne. A questa fase di caldo quasi estremo che avrà il suo apice a partire da domani e per un paio di giorni, verrà interrotta a causa di una perturbazione atlantica che comincerà a investire le Alpi nel corso di martedì e quindi gran parte del Nord nella giornata di mercoledì. Le previsioni del Centro Epson Meteo avvertono che, vista l’enorme energia in gioco, i temporali innescati da questa perturbazione saranno forti e accompagnati da grandinate e notevoli raffiche di vento. Nella seconda parte della settimana, sebbene non ci saranno precipitazioni rilevanti, i venti più freschi che accompagnano questa perturbazione si propagheranno anche al Centrosud con un conseguente ridimensionamento delle temperature.

Da domani i livelli di umidità presente nei bassi strati dell’atmosfera tenderanno ad aumentare giorno dopo giorno, provocando così una maggior sensazione di caldo e le temperature percepite, a inizio settimana, potrebbero toccare i 40 gradi con possibili effetti negativi sulla salute soprattutto di anziani, bambini e persone affette da malattie croniche. Durante la notte le temperature faticheranno a scendere, con valori minimi superiori ai 20 gradi, soprattutto nei centri urbani, e con crescente disagio notturno. I livelli di radiazione UV solare saranno molto elevati, indice 8-9, con maggior rischio di danneggiare la pelle e gli occhi, se sottoposti a una prolungata esposizione al sole. Se possibile, evitare di esporsi alla radiazione solare nelle ore centrali del giorno.

Martedì però un fronte freddo si avvicinerà alle Alpi e alle regioni di Nordovest: sulle zone più settentrionali del Paese, aree alpine e prealpine in particolare, avremo quindi rovesci e qualche temporale. Sole pieno sulla bassa Val Padana, in Emilia Romagna e al Centrosud. Temperature in calo nelle zone interessate dai temporali, mentre i valori saranno in aumento nel resto del Paese.

Mercoledì sarà una giornata calda al Sud e sulla Sicilia mentre le temperature cominceranno a calare al Centronord e sulla Sardegna. Al Nordest e sulla Lombardia orientale il tempo sarà ancora instabile con il rischio di locali rovesci o temporali. Da giovedì il calo delle temperature sensibile si estenderà a tutto il Paese grazie a intense correnti fresche settentrionali: i valori potranno calare anche nell’ordine di 10-12 gradi rispetto ai primi giorni della settimana.