Morso di vipera: ecco come riconoscerlo, curarlo e prevenirlo

MeteoWeb

In montagna, ma anche in collina, può capitare di venire morsi da una vipera. Il segno caratteristico è la presenza di due piccoli fori, distanziati di 0,5-1 cm, più profondi degli altri, corrispondenti ai segni lasciati dai denti veleniferi. Talvolta può essere presente il segno lasciato dagli altri denti, molto meno profondo e evidente.

Tra i sintomi legati al morso di vipera: un dolore intenso nella zona colpita, accompagnato da gonfiore ed emorragia a chiazze dopo circa 10 minuti con crampi più o meno forti. Dopo all’incirca 30 minuti-1 ora, si possono manifestare: sensi di vertigini, calo della temperatura, cefalea, riduzione della pressione arteriosa, arrivando sino allo stato di shock, tachicardia, vomito, diarrea, difficoltà respiratoria. Uno dei primi segnali della gravità della situazione è dato dal fatto che la vittima ha difficoltà a mantenere le palpebre aperte a causa dell’interessamento del sistema nervoso.

MORSO VIPERA 2Il morso di una vipera italiana è sicuramente un’evenienza che crea nel malcapitato un estremo allarme e uno stato di stress.Se il paziente è colto da paura si agita più facilmente, aumentando così la contrazione muscolare e quindi la “pompa muscolare” con drenaggio del veleno verso i vasi sanguigni per cui la prima cosa da fare è rassicurarlo. Sdraiate il paziente senza sollevare l’arto colpito con cuscini o altri supporti, immobilizzatelo per non accelerare la circolazione sanguigna, eseguendo un bendaggio compressivo a monte del morso per evitare l’entrata in circolo del veleno.

MORSO VIPERA COPStringete abbastanza la parte a monte del morso per bloccare la circolazione linfatica attraverso la quale il veleno potrebbe diffondersi più velocemente. Lavate la ferita con acqua semplice o con acqua ossigenata, coprendola con garza sterile o con un indumento pulito, attendendo l’arrivo dei soccorsi o, se vi è possibile, raggiungete l’ospedale nel più breve tempo possibile. Sulla ferita potete applicare del ghiaccio per alleviare il dolore e rallentare la circolazione ma mai somministrare siero antivipera in quanto questo compito è di competenza del medico. Non somministrate, inoltre, antidolorifici, non utilizzate il laccio emostatico, non effettuate suzioni, incisioni o altre procedure di aspirazione o rimozione meccanica del veleno, non succhiate la ferita con la bocca e non somministrate alcolici.

MORSO VIPERA 3Per prevenire i morsi di vipera occorre indossare calzature alte o calzettoni di lana pesante e calzoni lunghi di tessuto possibilmente pesante; camminate con passo cadenzato e pesante battendo le erbe e le pietre con un bastone; non raccogliete istintivamente ogni cosa da terra, smuovendo le erbe e le pietre con un bastone per allontanare ogni possibile minaccia.Ispezionate attentamente il luogo in cui desiderate sedervi, non appoggiatevi o sedetevi su tronchi ricoperti di foglie, muriccioli, pagliai, fascine di legna. Non mettete le mani sotto rocce, sassi o dentro le fessure del terreno; prestate molta attenzione quando nel bere a una fonte e quando camminate su una pietraia.Prima di indossare giubbotti, maglioni, ecc. deposti a terra o appesi a rami di cespugli, scuoteteli più volte e decisamente. Di fronte ad una vipera, non cercate di schiacciarla con i piedi. Se costretti, colpitela possibilmente al capo con un sasso o un bastone, mantenendovi ad almeno un metro da essa, distanza che consente di non correre rischi.