Nelle notti estive il caldo tiene svegli? Ecco i trucchi per dormire qualche ora in più

MeteoWeb

La prima domenica d’afa della stagione. Oggi e almeno fino a martedì le temperature arriveranno fino a 38 gradi e l’anticilone africano, inizierà ad attenuarsi mercoledì. In queste ore l’anticiclone delle Azzorre riceve un contributo di aria più calda in quota dal Nord Africa. Di conseguenza è atteso un ulteriore aumento delle temperature e dell’afa. I valori saranno elevati da nord a sud su molte località. Al Centro Nord si raggiungeranno punte fino a 34/35°C, anche superiori sulle pianure emiliane mentre al Sud si potranno avere i picchi più alti, fino a 36/38°C sulle aree interne pugliesi e della Basilicata, e anche nell’ entroterra di Sicilia e Sardegna. Nel frattempo dal Nord Europa giungerà una violenta linea temporalesca che inizierà a seminare temporali forti, grandinate e locali trombe d’aria su Alpi, Prealpi e localmente sulla Pianura Padana. Temporali forti anche mercoledì, ma solo al mattino, poi tornerà il sole, ma con un clima decisamente gradevole su tutte le regioni, grazie ai venti freschi di Maestrale.

COME COMBATTERE L’INSONNIA. Il grande caldo tiene svegli durante la notte circa dodici milioni di italiani che soffrono di insonnia. E’ quanto stima la Coldiretti che ha stilato la classifica delle città più bollenti durante la notte che vede al primo posto Trieste con 27 gradi. Le condizioni per garantire un buon riposo – sostiene la Coldiretti – dipendono molto dai comportamenti durante il giorno a partire da una alimentazione corretta. Cibi come pane, pasta e riso, ma anche lattuga, radicchio, cipolla, aglio e formaggi freschi, uova bollite, latte fresco caldo e frutta dolce come pesche e nettarine possono venire in soccorso per superare le notti di passione. Sono invece gli alimenti conditi con molto pepe e sale, ma anche con curry, paprika in abbondanza e anche salatini o minestre con dado da cucina – continua la Coldiretti – i veri nemici del riposo che le alte temperature rendono più difficile.