Previsioni Meteo: anche la 3ª decade di Luglio in compagnia dell’alta pressione ma attenzione ai possibili disturbi atlantici

MeteoWeb

Previsioni Meteo – L’estate ora tornerà a splendere con tutta la sua vitalità su buona parte del territorio nazionale, grazie all’ingresso sul bacino centrale del Mediterraneo di un solido promontorio anticiclonico dinamico, di natura sub-tropicale, che stabilizzerà la colonna d’aria su gran parte del territorio nazionale, da nord a sud. Anche se il nostro paese non sarà obiettivo di ondate di calore significative, come quella che la prossima settimana invaderà la Spagna, esso già a metà settimana ne potrà risentire, con un graduale aumento delle temperature, a partire dalle regioni centro-settentrionali e dalla Sardegna. Caldo che nel corso della settimana comincerà ad interessare pure le nostre regioni meridionali e la Sicilia, ma senza valori termici particolarmente significativi.

Prognose_20160717Questo perché l’Italia rimarrà influenzata dal bordo più orientale dell’ampio promontorio anticiclonico di matrice sub-tropicale, lì dove nei bassi strati continua a scorrere una debole ventilazione dai quadranti settentrionali che impedirà alle temperature di salire su valori particolarmente elevati per il periodo. Questo tipo di tempo stabile e soleggiato dovrebbe continuare a tenerci compagnia per buona parte dell’ultima decade del mese di Luglio, garantendo ancora condizioni di piena stabilità, in un contesto termico poco sopra le medie del periodo, ma senza grandi eccessi di caldo visto che le grandi ondate di calore prediligeranno il Portogallo e la Spagna, dove il caldo si farà particolarmente intenso, con picchi che solo in Andalucia potranno sfondare la soglia dei +44°C/+45°C all’ombra, mentre punte di oltre +40°C saranno possibili anche nel sud del Portogallo.

martedì 19 luglioMa nonostante il solido campo anticiclonico stagnante sul bacino del Mediterraneo la presenza di un vortice polare ancora tutt’altro che stabile contribuirà a imprimere importanti ondulazioni in seno al flusso perturbato principale, che dalle coste del nord America si getta sopra l’Atlantico settentrionale.

venerdì 22 luglioTali ondulazioni del flusso perturbato principale, che dall’Atlantico settentrionale si dipana verso l’Europa occidentale, entro fine mese potranno favorire l’ingresso di nuove saccature  (ondulazioni cicloniche) che potranno parzialmente erodere temporaneamente il campo anticiclonico sub-tropicale sulle nostre regioni settentrionali, determinando delle brevi fase temporalesche e dei “break estivi” accompagnati da fenomeni temporaleschi anche intensi.

domenica 24 luglioPrecipitazioni un po’ più significative si dovrebbero vedere sulle aree alpine e prealpine, maggiormente interessate dal passaggio delle code dei sistemi frontali atlantici in scorrimento sull’Europa centrale. Insomma, un estate che proseguirà in piena regola, nonostante delle possibili brevi interruzioni, maggiormente probabili sulle regioni settentrionali.