Previsioni Meteo, perturbazione in atto al centro/nord: rischio forti temporali

MeteoWeb

In questo fine settimana il sole e il caldo intenso saranno ancora protagonisti soprattutto al Sud e in Sicilia, seppure con la tendenza ad una lieve accentuazione dell’instabilità – domenica – attorno ai rilievi. Al Nord, al Centro e sulla Sardegna, invece, l’atmosfera si presenterà più instabile, a causa di una perturbazione atlantica in avvicinamento dalla Francia: essa, oltre ad accrescere il rischio di temporali, favorirà un’attenuazione dell’intensa calura e dell’afa di questi ultimi giorni. Gli effetti di questa perturbazione si riverseranno a inizio settimana sul Meridione, favorendo anche qui l’interruzione dell’ondata di calore,” spiegano gli esperti del Centro Epson Meteo. “A causa delle grandi quantità di calore e umidità che si sono accumulati negli ultimi giorni, i temporali potrebbero risultare localmente anche di forte intensità, caratterizzati quindi da piogge violente, grandinate e intense raffiche di vento.”

saetta fulmini saette temporaleDomenica al Sud e in Sicilia tempo ancora abbastanza soleggiato e caldo, salvo locali temporali nel pomeriggio nelle zone interne dell’Isola e sull’Appennino campano-lucano. Al Centronord e sulla Sardegna tempo molto instabile, con rovesci o temporali più probabili e diffusi da metà giornata al Nord (rischio più contenuto sui settori dell’alto Adriatico, mentre i rovesci potranno sconfinare verso le coste liguri), Toscana, Umbria, Marche, zone interne del Lazio, Abruzzo, Molise e in Sardegna. Fenomeni localmente violenti, accompagnati da grandine, raffiche di vento. Temperature massime in diminuzione al Centro e sulla Sardegna, in forma più lieve su Campania, Basilicata e basso versante tirrenico. Venti moderati di Maestrale su Mare di Sardegna, canali delle Isole, Adriatico centro-meridionale al largo. All’inizio della settimana si sentiranno ancora gli effetti della perturbazione n°5 di luglio. Lunedì l’instabilità sarà maggiormente presente su Alpi e Appennini, zone interne delle Isole, con isolati sconfinamenti verso le pianure e lungo le coste (sconfinamenti meno probabili sulle pianure del Piemonte, in Liguria e zone ioniche, più probabili invece lungo le coste tirreniche e occasionalmente lungo quelle adriatiche). La maggior diffusione dei rovesci di pioggia si avrà tra la tarda mattina e il pomeriggio, mentre in serata i fenomeni tenderanno ad attenuarsi, ad eccezione di locali rovesci sulle Prealpi venete e sul Tirreno sud-orientale. Continueranno a soffiare venti moderati di Maestrale che causeranno un calo termico sulle regioni centrali tirreniche e al Sud, mentre al Nordovest e in Sardegna i valori saranno in leggero rialzo. Dopo il lento transito di questa perturbazione sull’Italia, accompagnata dal vortice ciclonico in quota e da una massa d’aria sicuramente meno calda di quella preesistente, l’alta pressione tornerà a rinforzarsi (soprattutto tra venerdì e sabato) riportando condizioni un po’ più stabili e temperature nuovamente in crescita, anche se le regioni settentrionali verranno di tanto in tanto lambite dai settori marginali delle perturbazioni in transito sull’Europa centrale mentre al Centrosud alta pressione e caldo dovrebbero dominare fino almeno alla prima settimana di agosto.