Sardegna, incendi e polemiche

MeteoWeb

La Sardegna affronta un’altra giornata di incendi, complici le temperature elevate da allarme rosso, con squadre a terra e mezzi aerei impegnati soprattutto fra Samassi e Guspini, nel Sud Sardegna, dove i vigili del fuoco hanno dovuto richiamare due squadre per l’emergenza, oltre che in Gallura e nel Nuorese. Assieme alle fiamme anche quest’anno divampano le polemiche. “Si utilizzino le forze dell’esercito e si perlustri la Sardegna con gli elicotteri”, propone il capogruppo dell’Udc in Consiglio regionale, Gianluigi Rubiu, dopo il rogo che nei giorni scorsi ha bruciato centinaia di ettari fra Isili, Nurri, Orroli e Villanovatulo. “Una devastazione senza fine che si sarebbe potuta evitare con un’adeguata prevenzione sul territorio. Serve un maggior presidio del territorio, un piano da concertare attraverso l’intervento dei prefetti”. “La Sardegna non puo’ continuare ad assistere inerme al fallimento della campagna antincendi programmata dalla Giunta regionale”, sostiene il capogruppo dei Riformatori, Attilio Dedoni. “Da tempo abbiamo chiesto che l’esecutivo si presenti in Aula per riferire sulle numerose inefficienze che si stanno riscontrando nella lotta agli incendi estivi, ma chi e’ responsabile per cio’ che sta accadendo si rifiuta di dare risposte alle preoccupazioni dei sardi davanti a una delle stagioni piu’ disastrose degli ultimi anni”. Dedoni denuncia “organici insufficienti, mezzi inadeguati, investimenti irrisori, sottovalutazione dei pericoli e scarsa prevenzione” e rilancia la richiesta alla Giunta di riferire in Consiglio “su quanto si e’ sbagliato finora, su cosa si sta facendo per rimediare ed entro quanto tempo si riuscira’ a porre rimedio agli errori e a dare una risposta puntuale ed efficace ai sardi assediati dal fuoco”. Intanto, il deputato di Unidos Mauro Pili denuncia che non e’ stata ancora firmata la convenzione coi vigili del fuoco, a due mesi dall’inizio della campagna antincendio, e presenta un’interrogazione parlamentare sui rischi del ritardo e sulla carenza di risorse finanziarie adeguate “sia per il pagamento dei vigili impegnati nella campagna estiva sia per la dotazione di mezzi sufficienti”.