4K Alpine Endurance Trail Valle d’Aosta: Valorizzazione ambientale e sostenibilità le parole chiave della prima edizione

MeteoWeb

Meno di un mese alla prima edizione del 4K Alpine Endurance Trail Valle d’Aosta, uno straordinario evento di endurance trail running organizzato dalla Regione Autonoma Valle d’Aosta e il Forte di Bard. Un percorso ad anello di 350 chilometri lungo il confine, alle pendici delle quattro vette più alte delle Alpi (i 4K, ovvero Monte Bianco, Monte Rosa, Cervino, Gran Paradiso) che si snoda in senso orario lungo le Alte Vie n. 1 e n. 2, con passaggi tra i 300 e i 3.300 metri di altitudine slm per 25.000 metri di dislivello positivo, con partenza e arrivo a Cogne, nel cuore del Parco Nazionale del Gran Paradiso. Dal 3 al 9 settembre, un appuntamento per gli appassionati di sport estremi, ma anche e soprattutto un’occasione unica per immergersi in uno scenario naturalistico di incomparabile bellezza.

Il percorso valorizza luoghi chiave del patrimonio ambientale, storico e culturale della Regione, tra i quali il famoso Forte di Bard, e tocca località turistiche molto note come La Thuile, Courmayeur, Breuil-Cervinia, Champoluc, Gressoney e Cogne, offrendo inoltre ad atleti e pubblico l’opportunità di scoprire splendidi siti meno conosciuti ma di rara bellezza.

A sostenere e ad assistere gli atleti, i collaboratori più preziosi: oltre 2000 volontari in azione lungo il percorso e, insieme a loro, almeno 100 professionisti della montagna. Un gruppo compatto, con un solo grande obiettivo: fare in modo che per ognuno la gara sia un’esperienza unica e che si svolga nelle migliori condizioni di sicurezza.

Il rispetto dell’ambiente – Progetto ECO 4K

logo 4kIl rispetto per l’ambiente, valore chiaramente esplicitato anche nella carta etica dell’International Trail-Running Association (ITRA) a cui ha aderito il 4k Endurance trail Valle d’Aosta fin dalla sua iniziale progettazione, è un elemento fondamentale della competizione. Una politica volta a ridurre gli impatti che solitamente una gara di questo tipo presenta, attraverso la raccolta differenziata dei rifiuti e la squalifica degli atleti nel caso di abbandono di rifiuti durante la competizione; massima attenzione al rispetto dei percorsi onde evitare fenomeni erosivi e obbligo per i corridori di seguire i sentieri per evitare la deturpazione delle aree circostanti; utilizzo di materiale di tracciatura ecologico (no vernici), materiali riciclabili e biodegradabili; accurata opera di pulizia lungo i 350 km di percorso al termine della gara.

Rispetto riconosciuto dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare attraverso la concessione del patrocinio morale, legata all’impegno profuso dall’organizzazione nella promozione del progetto ambientale ECO 4K, a tutela dell’ambiente.