Fichi d’India: alla scoperta delle loro innumerevoli proprietà benefiche e cosmetiche

MeteoWeb

Polpa morbida e succosa, sapore dolce e gradevolmente acidulo… i fichi d’India sono i coloratissimi frutti dell’Opuntia ficus indica, pianta grassa appartenente alla famiglia delle Cactaceae, originaria del Messico, che cresce senza difficoltà nelle zone caratterizzate da un clima caldo e arido.

Proprio dal Messico, nell’antichità si diffuse tra le popolazioni del Centro America che la coltivavano e commerciavano già ai tempi degli Aztechi, presso i quali era considerata pianta sacra con forti valori simbolici. La pianta arrivò nel Vecchio Mondo verosimilmente intorno al 1493, anno del ritorno a Lisbona della spedizione di Cristoforo Colombo. La prima descrizione dettagliata risale comunque al 1535, ad opera dello spagnolo Gonzalo Fernández de Oviedo y Valdés nella sua Historia general y natural de las Indias.

FICHI D'INDIA 2Tante sono le proprietà benefiche dei fichi d’India: ipocalorici (contengono solo 55 calorie ogni 100 grammi), sono ricchi di fibre, facilitando il transito intestinale, combattendo i parassiti intestinali, rigenerando la flora intestinale e prevenendo le emorroidi. Dissetanti, depurativi ed energetici, favoriscono l’espulsione dei calcoli renali, contrastano la ritenzione idrica, vengono impiegati nei casi di osteoporosi in quanto ricchi di ferro, fosforo e calcio. I fichi d’India eliminano il gonfiore addominale e, grazie a mucillagini, pectina e xilosio abbassano i livelli di zucchero nel sangue.

Blandamente lassativi, contrastano la stitichezza, fungono da spezza-fame e abbassano i livelli di colesterolo nel sangue. Tante le loro proprietà cosmetiche: rassodano e tonificano la pelle, attenuano le screpolature cutanee, contrastano i radicali liberi, esercitando un effetto antinvecchiamento; idratano i capelli aridi ed esercitano un effetto lisciante sul cuoio capelluto.

FICHI D'INDIA 4Come consumarli?

I fichi d’India sono estremamente versatili per cui possono essere impiegati per la preparazione di fantasiosi risotti e insalate, marmellate, creme, liquori.Le pale, più propriamente dette cladodi, possono essere consumate fresche, in salamoia, sottoaceto, candite o in confettura.