Maltempo, tre morti sulle Alpi. I soccorritori: “clima invernale, tanta neve e ghiaccio”

MeteoWeb

Tre morti sulle Alpi nelle ultime ore. Ieri sera, e’ stato recuperato il corpo di Claudio Casagrande, 71 anni, precipitato da una via ferrata sulle Pale di San Martino, in Trentino. Un elicottero del 118 lo ha individuato in un canalone. Questa mattina, invece, quando le condizioni del tempo lo hanno consentito, il Soccorso alpino valdostano, con un suo mezzo, ha recuperato i corpi dei due inglesi dispersi da giovedi’ sera sul Cervino, quando imperversava il Maltempo. I cadaveri sono stati trovati sotto la parete del Pic Tyndal a circa 4 mila metri di quota, a poca distanza dalla Gran Corda da cui hanno fatto partire l’ultima telefonata. A un primo esame esterno dei corpi, ora trasportati ad Aosta e messi a disposizione del Soccorso alpino della Guardia di Finanza per eventuali accertamenti autoptici, risulta che i due alpinisti siano morti per assideramento. “In questi giorni abbiamo registrato temperature veramente invernali, ha fatto molto freddo, c’e’ tanta neve e c’e’ tanto ghiaccio”, hanno spiegato i soccorritori.