Mirtillo rosso, un vero alleato contro le infezioni urinarie

MeteoWeb

Solitamente l’Escherichia coli è l’unico batterio colpevole che causa infezioni urinarie persistenti. Molti medici nella maggior parte dei casi consigliano di combattere l’infezione prescrivendo antibiotici e medicinali complessi, ma una recente ricerca inglese riportata sulla rivista Food Science and Biotechnology ha evidenziato quanto i mirtilli rossi facciano bene in queste spiacevoli circostanze.

I ricercatori hanno infatti rivelato come il succo di mirtillo puro abbia un forte potere batteriostatico in grado di indebolire, se consumato con regolarità, il batterio colpevole dell’infezione. Il mirtillo rosso è un vero alleato contro le infezioni urinarie grazie alla presenza delle proantocianidine specifiche del frutto le quali impediscono ai batteri di contaminare la mucosa delle vie urinarie, evitando dunque lo sviluppo dell’infezione.

L’infezione avviene quando i batteri presenti nelle feci, come escherichia coli, streptococco fecale, staphilococco epidermidis e la Klebsiella , contaminando l’uretra, risalgono verso la vescica provocando fattualmente l’infezione. Il mirtillo rosso è costituito oltre che da acqua anche da diversi composti organici , come catechine, flavonoidi, antocianine. Gli esperti non sono ancora in grado di spiegare cosa succede con esattezza quando il mirtillo rosso viene consumato per combattere le infezioni urinarie, certo è che è un rimedio naturale molto efficace e secondo molti il mirtillo è in grado di acidificare  le urine e l’effetto antisettico di alcuni suoi componenti.