Ossa finte che si comportano come se fossero vere: sviluppate da un team di scienziati russi

MeteoWeb

Ossa finte che si comportano come se fossero vere. Gli scienziati dell’Università Nazionale russa della Scienza e della Tecnologia MISIS hanno messo a punto un nuovo metodo per la produzione di impianti in polietilene ad altissimo peso molecolare per sostituire difetti del tessuto osseo nell’uomo e negli animali. Il nuovo impianto imita la struttura di un tessuto osseo e consiste in uno strato interno poroso ed uno strato esterno solido. La struttura spugnosa permette a nuovi vasi sanguigni e tessuti di crescere all’interno dell’impianto.

La parte porosa viene inseminata con cellule prelevate dal midollo osseo del paziente e proteine stimolanti. Gli impianti saranno utilizzati per sostituire le sezioni di tessuto osseo tubolare in lesioni o casi di tumore, comprese le ossa piatte (pelviche, cranio, scapola). La tecnologia può essere utilizzata anche negli animali. Ci sono voluti quattro anni per sviluppare il nuovo metodo di impianto e gli sforzi sono ancora in corso. I test pre-clinici iniziali hanno avuto successo. I ricercatori hanno già avviato la richiesta per due brevetti russi e stanno programmando di brevettare il metodo a livello internazionale.