Perseidi, boom di stelle cadenti: arriva il picco, la prossima notte sarà da record

MeteoWeb

Quest’anno stelle cadenti da record: secondo le previsioni le Perseidi, note anche come stelle di San Lorenzo, saranno le piu’ spettacolari degli ultimi sette anni. L’ultima pioggia cosi’ intensa e brillante, come quella prevista nel picco tra l’11 e il 12 agosto, come rileva la Nasa, si era verificata infatti nel 2009. Inoltre a rendere lo spettacolo astronomico ancora piu’ suggestivo, c’e’ anche una insolita ‘sfilata’ di ben 5 pianeti. Quest’anno la notte del picco si preannuncia da record perche’ la Terra attraversa una scia piu’ densa di polveri lasciate dalla cometa Swift-Tuttle e, nuvole permettendo, si potrebbero vedere fino a 200 meteore all’ora, il doppio rispetto agli altri anni. Ogni meteora e’ un granello di polvere lasciato da questa cometa e quando la Terra passa nella regione dello spazio dove ci sono i detriti, i grani colpiscono l’atmosfera terrestre e si disintegrano producendo scie luminose.

perseidi La maggior parte delle volte, la Terra sfiora il bordo di detriti ma di tanto in tanto, come capita adesso, la gravita’ di Giove concentra un numero maggiore di queste particelle verso il nostro pianeta. Inoltre lo scenario sara’ reso ancora piu’ suggestivo dalla buona visibilita’ di ben 5 pianeti: Venere e Mercurio, i piu’ bassi sull’orizzonte, visibili dopo il tramonto in direzione Ovest; Giove, visibile sempre a Ovest; mentre a Sud nelle ore successive si potranno vedere Marte e Saturno. Il modo migliore per godersi lo spettacolo astronomico e’ quello di andare in luoghi privi di inquinamento luminoso e guardare verso l’alto in direzione della costellazione di Perseo, da cui queste stelle cadenti prendono il nome, perche’ sembrano piovere da un punto che si trova in questa costellazione. Per osservare i pianeti, invece, si e’ favoriti al mare, sulla costa tirrenica, perche’, ha spiegato Paolo Volpini, dell’Unione Astrofili Italiani (Uai), per vedere Venere, Mercurio e Giove occorre un orizzonte privo di ostacoli. Marte e Saturno invece saranno piu’ alti sull’orizzonte. Inoltre quest’ultimi, l’11 e il 12, saranno anche in congiunzione con la Luna.