Terremoto, Delrio: “prima della ricostruzione pensiamo ad affrontare l’inverno”

MeteoWeb

”La ricostruzione deve essere fatta nella maniera migliore possibile pero’ noi siamo ancora impegnati con l’attivita’ di prima emergenza. La ricostruzione vera e propria ha tempi diversi, avverra’ tra qualche mese, adesso dobbiamo prepararci ad affrontare bene l’inverno a ragionare con le popolazioni per garantire a tutti una sistemazione accettabile. Stiamo ha organizzando con la protezione civile in maniera efficace questa prima fase di emergenza e di accoglienza”. Lo ha detto il ministro alle Infrastrutture e trasporti Graziano Delrio rispondendo alle domande dei giornalisti a Catania a margine della Festa dell’Unita. ”Non abbiamo ancora finito di scavare, quindi questi straordinari uomini e donne che stanno facendo questo lavoro devono adesso completarlo. Poi ci sara’ modo di dare una sistemazione che vada oltre le tende”, ha aggiunto Delrio.

“Come ha detto anche il presidente del Consiglio, c’e’ la volonta’ di convocare tutti coloro che possono dare una mano a predisporre un piano organico di prevenzione del rischio tante volte annunciato, mai attuato. Ma questa volta, esattamente come abbiamo fatto con il dissesto idrogeologico con il piano dell’edilizia scolastico e con le attivita’ di cure di manutenzione delle strade, c’e’ bisogno di un grande piano di cura per la casa Italia, un grande piano di prevenzione su cui troppo poco il Paese purtroppo ha investito, ma che e’ necessario”. Lo ha detto il ministro alle Infrastrutture e trasporti Graziano Delrio rispondendo a Catania alle domande i giornalisti sulle fasi delle ricostruzione post terremoto a margine della Festa dell’Unita. ”Abbiamo gia’ cominciato in tanti settori e avevamo gia’ dato un ottimo incentivo per la messa in sicurezza sismica. Dobbiamo potenziarlo molto, molto di piu’. Questa tragica lezione che ci viene dal terremoto ci dice che questa deve essere davvero la volta in cui il Paese mette in campo un piano organico di prevenzione”, ha aggiunto Graziano Delrio.

”Dobbiamo capire che le opere pubbliche sono di tutti e su possono costruire solo se tutti a tutti i livelli della catena facciamo il nostro dovere e in Italia questo spesso non e’ accaduto. A volte c’e’ indisciplina amministrativa”. Lo ha detto il ministro alle Infrastrutture e trasporti Graziano Delrio partecipando alla Festa dell’Unita a Catania. ”Il dirigente che lavora in un Comune – ha aggiunto Delrio – deve avere la coscienza che quello che lui deve fare e’ importantissimo per i suoi cittadini. Ognuno che lavora nel settore pubblico ha come azionista di riferimento il cittadino. Se tu sai che c’e’ una scuola da costruire in un paese e lasci la pratica otto-nove mesi li’ per un passaggio burocratico, stai facendo un torto a quei bambini che hanno diritto ad avere una scuola, a quei cittadini che hanno diritto ad avere una strada. Adesso abbiamo sbloccato la Ragusa-Catania, ha richiesto uno sforzo enorme burocratico questo progetto per essere sbloccato”. ”Stiamo in contatto costante, cosi’ si riescono a fare le opere, se no, se c’e’ qualcuno che non fa un pezzo del suo mestiere – ha concluso non ce la facciamo. Stiamo facendo questo lavoro quotidiano di seguire ogni progetto”.