Terremoto: ecco cosa fare se si vive in un luogo a rischio sismico

MeteoWeb

Se si vive in una zona sismica, ecco alcune cose da fare. Conoscere quale sia la classificazione sismica del territorio in cui si vive chiedendolo all’Ufficio Tecnico del Comune o alla Regione. Tutte le nuove abitazioni, costruite dopo la data in cui il Comune è stato classificato, devono essere state costruite rispettando la normativa antisismica. Sapere se esiste un piano di protezione civile comunale e prendere visione di ciò che prevede (es. quale è l’area di raccolta per la popolazione, l’area degli insediamenti di emergenza, i mezzi a disposizione, ecc.), altrimenti si deve sollecitare il sindaco a provvedere. Conoscere come è stata costruita la casa in cui si abita e soprattutto verificare: se la casa è stata progettata e realizzata con criteri antisismici. Se sono stati fatti interventi per renderla più resistente. Se occorre intervenire per rinforzarla, anche utilizzando i fondi appositamente stanziati per il recupero e la riqualificazione del patrimonio edilizio.

PIANO ORGANIZZAZIONE FAMILIARE – Organizzare un piano di emergenza famigliare ed assicurarsi che: non vi siano oggetti pesanti su mensole o scaffali alti. Gli arredi più pesanti siano ancorati al muro. In casa ci sia una cassetta di pronto soccorso, una torcia elettrica, una radio a pile, un estintore e che tutti sappiano dove si trovano. Tutti sappiano dove sono e come si chiudono i rubinetti di gas e acqua e l’interruttore generale della luce. Sapere se a scuola e sul luogo di lavoro è stato predisposto un piano di emergenza e quale è il compito a te assegnato e la condotta da tenere.