Terremoto: “ricostruzione è boccone ghiotto per le mafie, rischi elevati”

MeteoWeb

“I rischi ci sono, inutile nasconderlo. E la ricostruzione post terremoto è storicamente il boccone ghiotto di consorterie criminali e comitati d’affari collusi”. A dirlo, in una intervista a Repubblica, è il procuratore Antimafia Franco Roberti, che aggiunge: “Però va detto che abbiamo alle spalle gruppi di contrasto consolidati, esperienza, attività importanti. E abbiamo il modello dell’Aquila, che ha funzionato. Siamo pronti “. Secondo il procuratore, che seguì in prima persona come pm di Napoli il terremoto dell’Irpinia oggi “l’esperienza e le acquisizioni scientifiche e giudiziarie ci dicono che se una casa è costruita bene, se sono state rispettate le norme anti sismiche, di fronte a un evento drammatico quel corpo di fabbrica può lesionarsi, incrinarsi: ma non può polverizzarsi e implodere. Ecco perché, senza azzardare previsioni, immagino ci sia molto da approfondire”. I rischi di infiltrazioni mafiose, perché sottolinea Roberti “i guadagni dei clan cominciano proprio dal calcestruzzo scadente”, “sono sempre alti ma l’esperienza drammatica del sisma a L’Aquila ci lascia anche un modello importante che ha funzionato bene”. Il magistrato parla infatti di “un modello costruito da tutti insieme, dal lavoro della Procura distrettuale della città colpita, dal monitoraggio della Procura nazionale antimafia, dagli uffici giudiziari competenti e naturalmente dall’Anticorruzione “. Sulla collanorazione con l’Anac infine precisa “l’Anticorruzione fa bene il suo lavoro di prevenzione della corruzione, nella acquisizione e gestione degli appalti. Mentre la procura nazionale svolge il suo monitoraggio sugli eventuali collegamenti mafiosi delle imprese che concorrono agli appalti”.