Zika minaccia anche l’Asia: giovedì si riunisce il comitato d’emergenza dell’Oms

MeteoWeb

L’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) ha annunciato che il suo comitato di emergenza sulla Zika si riunirà giovedì, 1° settembre, per rivedere gli sviluppi del virus e i difetti neurologici congeniti a esso collegati. L’ultimo incontro del comitato, guidato dal dottor David Heymann, risaliva al 14 giugno. Il panel si riunisce ogni tre mesi per verificare l’evoluzione della situazione.

Salgono ad almeno 56 le persone infettate dal virus Zika individuate a Singapore. Di queste, 36 sono stranieri che lavorano presso lo stesso cantiere edile in un quartiere a sud-est dell’isola. Finora limitato all’America Latina, il virus che causa microcefalia nei feti portati in grembo dalle mamme contagiate inizia ora a diffondersi e minacciare il Sud-est asiatico. Singapore ha annunciato la sua prima infezione Zika a maggio, con il virus importato da un uomo di 48 anni che aveva viaggiato in Brasile.

Domenica scorsa, il Ministero della Sanita’ aveva confermato 41 casi trasmessi localmente ovvero, aveva specificato in un comunicato, “che non riguardano persone che hanno viaggiato di recente in aree colpite da Zika“, bensì “persone che sono state infettate a Singapore”. Di queste, sette rimangono ricoverate in ospedale. Il primo contagio avvenuto attraverso trasmissione locale è stato registrato sabato scorso e riguarda una donna della Malesia di 47 anni.