Accadde oggi, il 30 settembre 1531 il gran terremoto di Baza (Andalusia)

MeteoWeb

Il 30 settembre 1531 è ricordato in Spagna per un terremoto che sconvolse la provincia di Granada. Un forte sisma, probabilmente con ipocentro molto superficiale, distrusse completamente la città di Baza, in Andalusia, circa 100 chilometri ad est di Granada. Secondo le testimonianze dell’epoca persero la vita 310 persone – alcune stime parlano di 400. Il 60% delle case di Baza crollò. Altro centro duramente colpito dal sisma del 1531 fu Benamaurel, a circa 15 km da Baza.

Sebbene quello del 1531 fu un sisma catastrofico per l’area di Granada, non è considerato uno dei terremoti più forti avvenuti in Spagna negli ultimi secoli. Soltanto 9 anni prima, il 22 settembre del 1522, l’area di Almeria era stata devastata da un sisma ben più grande, che aveva causato migliaia di vittime.

Il sud della Spagna – specialmente l’Andalusia e la regione di Murcia – è l’area più sismica del paese, seguita dalla Comunità valenciana, dai Pirenei e dalla Galizia. La costa sud della Spagna viene interessata anche dagli tsunami generati dai forti terremoti che avvengono al largo del Portogallo; il più famoso di questi è quello del 1° novembre 1755, in seguito al terremoto di Lisbona.