Accadde oggi: nel 1638 nasce il Re Sole, Luigi XIV di Borbone che impose la monarchia assoluta

MeteoWeb

L’Etat c’est moi‘, lo Stato sono io è il motto di Luigi XIV, il re francese nato il 5 settembre 1638. Campione dell’assolutismo in politica e in religione, il ‘Re Sole‘ collezionò una discreta serie di insuccessi politico-militari che segnarono l’inizio della decadenza della Francia. Completò la reggia di Versailles dove morì il 1 settembre 1715.

Luigi XIV di Borbone, detto anche Luigi il Grande, è stato un membro della casata dei Borbone, nonché sessantaquattresimo re di Francia e quarantaquattresimo di Navarra; regnò per oltre settanta anni, dal 14 maggio 1643, quando aveva meno di cinque anni, fino alla morte nel 1715. Per la sua durata, il regno di Luigi XIV è al 12º posto nella classifica dei regni più lunghi della Storia. Fu il primogenito di Luigi XIII (figlio di Enrico IV e di Maria de’ Medici) e di Anna d’Austria (figlia del re Filippo III di Spagna).

Dopo la morte del cardinale Mazzarino, che data la giovane erà del sovrano aveva assunto il potere del regno, nel 1661 prese personalmente le redini in mano Luigi XIV, senza nominare alcun primo ministro. Fu così che pose fine alle grandi rivolte nobiliari, parlamentari, protestanti e contadine che avevano segnato i decenni precedenti. Il monarca impose l’obbedienza a tutti gli ordini della popolazione e il controllo anche sulla religione, condannando il giansenismo nel 1660 ed il protestantesimo, revocando l’Editto di Nantes nel 1685. Instaurò dunque una monarchia di tipo assolutistico, rafforzando l’influenza della Francia in Europa e nel mondo.

Nel 1682 trasferì la corte alla Reggia di Versailles, il grande palazzo da lui fatto realizzare in aperta campagna con il preciso scopo di incantare l’aristocrazia francese e costringerla a vivere lontana dalla vera politica che si dibatteva nella capitale. In questo modo consolidò il sistema della monarchia assoluta in Francia che durò fino alla Rivoluzione Francese.