Fecondazione: Osservatore Romano su bimbo con 3 genitori, esperimenti senza verifica

MeteoWeb

Esperimenti senza verifica“. L’Osservatore Romano utilizza grande cautela nel commentare la notizia che arriva dal Messico del primo bambino nato in seguito a una fecondazione assistita con tre persone. “A una prima lettura, – sottolinea il quotidiano della Santa Sedeil caso sembrerebbe bioeticamente accettabile: si usa una tecnica per fare nascere bambini evitando una patologia ereditabile. Ma la questione non è così semplice. Di fatto questa tecnica è stata autorizzata solo in Gran Bretagna; altrove le attuali regolamentazioni non la autorizzano per il suo carattere sperimentale“.

Si tratta di una tecnica certamente auspicabile perché ha il fine di prevenire la trasmissione ai figli delle patologie gravi dei genitori, ma a oggi i rischi non sono ancora calcolati e calcolabili – evidenzia il quotidiano d’Oltretevere -. Non è una tecnica scientificamente ‘validata’ secondo le procedure di verifica condivise dalla comunità scientifica: non vi è dunque una proporzione tra i benefici attesi (la nascita di un bambino senza la patologia ereditabile) e i rischi possibili“.

Bisogna certamente sostenere la ricerca scientifica e tecnologica, se finalizzata al bene per l’uomo, la sua vita e la sua salute; ma bisogna farlo – avverte il quotidiano d’Oltretevere – seguendo i passaggi necessari per ottenere una tecnica che garantisca sicurezza ed efficacia, e comunque un rischio non sproporzionato rispetto ai benefici che si intendono conseguire“.