Maltempo, distrutte coltivazioni ormai pronte: “Colpite in particolare le campagne di Palazzo San Gervasio”

MeteoWeb

Campagne “sott’acqua con ettari di terreno sommersi e coltivazioni di pomodoro ed ortaggi pronte per la raccolta distrutte dalle tracimazione dei fiumi“. E’ quanto emerge “dal primo monitoraggio effettuato dalla Coldiretti nelle campagne dell’area nord della Basilicata, ed in particolare di Palazzo San Gervasio (Potenza), sugli effetti delle abbondanti piogge che per circa dieci giorni hanno colpito la Basilicata“.

Secondo quanto reso noto dall’organizzazione di categoria, “molti campi sono stati letteralmente allagati con la conseguente notevole perdita della qualita’ del pomodoro che, com’e’ immaginabile risulta deteriorato e di qualita’ non buona, tale da risultare anche poco appetibile dalle industrie. La raccolta continuera’, anche se ormai l’annata, gia’ difficile per le note vicende legate al prezzo dei cereali, si sta rivelando tra le piu’ difficili degli ultimi anni“.

Siamo di fronte ad un repentino capovolgersi del tempo conseguente ai cambiamenti climatici in atto, che – ha evidenziato il presidente della Coldiretti Basilicata, Piergiorgio Quarto si manifestano con ripetuti sfasamenti stagionali ed eventi estremi anche con il rapido passaggio dalla siccita’ all’alluvione, precipitazioni brevi e violente accompagnate anche da grandine con pesanti effetti sull’agricoltura italiana che negli ultimi dieci anni ha subito danni per 14 miliardi di euro a causa delle bizzarrie del tempo“.