Mele: dolci, versatili e ricche di straordinarie virtù benefiche e cosmetiche

MeteoWeb

Dal sapore dolce e gradevole, le mele, appartenenti alla famiglia delle Rosacee, sono tra i frutti più consumati e apprezzati al mondo per via delle loro straordinarie virtù benefiche e cosmetiche.

Originarie dell’Asia Centrale, dov’erano coltivate già nel Neolitico, diffusesi attraverso il Medio Oriente, dapprima in Egitto, lungo la valle del Nilo e successivamente in Grecia, giunsero in Occidente grazie alle conquiste dell’Impero Romano e da qui in tutta l’Europa continentale, dando vita a numerose leggende. Fu proprio la mela, secondo la tradizione biblica, a far cadere in tentazione Adamo ed Eva, dando vita al peccato originale. E’ una mela il frutto dell’immortalità che Ercole riesce a conquistare nel giardino delle Esperidi; è una mela il pomo della discordia che scatena la guerra di Troia.

NMELEel corso dei secoli comunque la mela ha perso la sua accezione negativa, passando da simbolo di tentazione e peccato a emblema di amore e fertilità usato anche nell’iconografia cristiana, dove è spesso rappresentata accanto alla Madonna con il Bambino. Le mele sono antitumorali (contrastano il tumore del cavo orale, quello esofageo, del colon retto, della mammella, delle ovaie e della prostata), contrastano l’invecchiamento cellulare, sono un ottimo astringente se consumate crude, oppure leggermente lassative se cotte, disinfettano l’intestino, esercitano un’ azione rimineralizzante e incrementano la flora batterica intestinale benefica, con effetto prebiotico.

MELE 2Ben tollerate dai diabetici, depurative, ipocaloriche (contengono 45 calorie ogni 100 grammi), riducono il colesterolo cattivo, prevengono le malattie cardiache (es. infarto). Le mele, inoltre, donano un senso di sazietà, pertanto sono consigliate nei regimi dietetici e, essendo ricche di fibre, assicurano una regolare motilità intestinale, garantendo un efficace assorbimento delle sostanze nutritive.

MELE 1Esse, inoltre, contrastano l’anemia e l’insorgenza di malattie celebrali (es. Alzheimer e morbo di Parkinson), sono energetiche, combattono inappetenza, stanchezza e nervosismo, sono un ottimo rimedio naturale contro l’asma. Mangiare una mela a fine pasto rinfresca la bocca, favorendo la pulizia e lo sbiancamento dei denti, contrastando l’alitosi. Le mele, inoltre, hanno proprietà antireumatiche, sono consigliate in caso di gotta, calcoli renali, oliguria,  esercitano un’ azione esfoliante e rassodante per la pelle, oltre a prevenire la comparsa di rughe.