Oggi è la Giornata Mondiale della fibrillazione atriale: visite gratuite per riconoscere in tempo la patologia

MeteoWeb

In Italia si contano circa 600.000 diagnosi di fibrillazione atriale, un disturbo purtroppo asintomatico che può svelare gravi conseguenze come ictus e tromboembolismo.

Una buona notizia però c’è: individuare la patologia è possibile e anche estremamente semplice, basta iniziare dalla misurazione della pressione arteriosa con appositi strumenti elettronici che rilevano anche il ritmo cardiaco.

Per la Giornata di Oggi Feder-AIPA  (Federazione italiana Associazioni Pazienti Anticoagulati) e Daiichi Sankyo sono scesi di nuovo in piazza  per la celebrazione della Giornata Mondiale contro la fibrillazione atriale.

La giornata è istituita dalla Global Atrial Fibrillation Alliance, e celebrata con numerosi eventi nelle più importanti città del mondo, il secondo sabato di settembre.

Ad essere state scelte per questa terza edizione italiana le città di Milano (Viale Gabriele D’Annunzio)  e Napoli (Ansa San Carlo), dove le persone possono effettuare gratuitamente la misurazione della pressione arteriosa e lo screening per la fibrillazione atriale in stand aperti dalle ore 9,00 alle 18,00.

Un’idea azzeccata se si considera che il 45% degli italiani disconoscono totalmente tale patologia e tra quelli che la conoscevano la metà non aveva cognizione dei sintomi ad essa legati.

“I più recenti studi e sondaggi ci dicono che sono ancora molti gli italiani e persino i pazienti già diagnosticati che non conoscono sufficientemente la fibrillazione atriale e i rischi ad essa connessi, non sanno ad esempio che questa aritmia, che colpisce soprattutto gli anziani,  può diventare l’anticamera di un ictus se non trattata adeguatamente. C’è molta disinformazione anche su prevenzione e terapie, e noi come associazione pazienti abbiamo il dovere di dare il nostro contributo per una informazione il più possibile completa e capillare, quindi ogni anno in questa occasione scendiamo in piazza per gli screening gratuiti, in città sempre diverse, con il supporto di tutte le istituzioni e i privati che ci offrono generosamente la loro disponibilità”, ha spiegato Nicola Merlin, Presidente Feder-A.I.P.A.