Ricerca: nasce il Consorzio Europeo EMSO-ERIC per lo studio del mare

MeteoWeb

Nasce il Consorzio di Ricerca Europeo EmsoEric (European Multidisciplinary Seafloor and water-column Observatory European Research Infrastructure Consortium). Gli otto paesi fondatori del consorzio – Francia, Grecia, Irlanda, Italia, Portogallo, Romania, Regno Unito, Spagna- che ha sede legale a Roma “rappresentano un programma di coordinamento nella ricerca scientifica marina all’avanguardia nel modo“, commenta l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv). Emso, ha fatto sapere la Commissione europea, è un’infrastruttura di ricerca europea su scala continentale nel campo delle scienze ambientali. Il Consorzio è composto da osservatori sottomarini a grandi profondità il cui obiettivo è quello di fornire grandi flussi di dati al fine di affrontare le complessità dei cambiamenti climatici, la difesa degli ecosistemi marini e la mitigazione dei rischi naturali. Emso ha al suo attivo 11 osservatori marini in oceano profondo e 4 siti per test in acque basse per il monitoraggio a lungo termine, anche in tempo reale, di processi ambientali che riguardano la geosfera, la biosfera e l’idrosfera e le loro interazioni. I siti sono posizionati in acque europee dall’Artico all’Atlantico al Mediterraneo fino al Mar Nero, formando così una infrastruttura europea su vasta scala al servizio della comunità scientifica internazionale. Emso, spiega l’Ingv, “offre la possibilità di effettuare osservazioni scientifiche in modo continuo e ad alta risoluzione, con una grande varietà di strumenti di misura ed è in grado di fornire alimentazione ad esperimenti esterni e dati“. Gli otto paesi che partecipano al consorzio che gestisce questa infrastruttura intendono così promuovere attivamente la ricerca scientifica europea in ambiente marino, sotto l’egida della Commissione Europea.