Storia: addio a Jonathan Riley-Smith, uno dei massimi studiosi delle Crociate

MeteoWeb

Lo storico britannico Jonathan Riley-Smith, uno dei maggiori studiosi internazionali delle Crociate e della storia religiosa del Medioevo, è morto a Cambridge all’età di 78 anni. L’annuncio della scomparsa è stato dato dall’Università di Cambridge, di cui era professore emerito. Per molti anni ha insegnato storia ecclesiastica all’Emmanuel College. Riley-Smith aveva iniziato la carriera accademica all’University of St Andrews per passare poi a Cambridge, quindi dal 1978 al 1994 all’Università di Londra, e infine ritornare a Cambridge come titolare della prestigiosa cattedra di storia ecclesiastica. Il professore Jonathan Riley-Smith è stato una figura di riferimento nel campo degli studi sulle Crociate, producendo molti lavori, sia accademici che divulgativi. In italiano sono disponibili i suoi volumi “Storia delle Crociate” (Mondadori, 2009) e “Al seguito delle Crociate. Origini, storia, evoluzione” (Di Renzo Editore, 2000). Riley-Smith ha indagato con precisione non soltanto le motivazioni politiche, economiche e generazionali delle imprese dei cristiani contro gli infedeli, ma anche l’acceso dibattito teologico sulla liceità dell’uso della forza per un cristiano che per secoli ha infiammato l’Europa. Tra gli altri suoi libri in lingua inglese figurano “The Knights of St John in Jerusalem and Cyprus, 1050-1310” (1967), “The Feudal Nobility and the Kingdom of Jerusalem, 1174-1277” (1973), “The Crusades, Christianity, and Islam” (2008), ‘The Knights Hospitaller in the Levant 1070-1309″ (2012). E’ stato il direttore delle opere “The Atlas of the Crusades” (1991) e “The Oxford Illustrated History of the Crusades” (1995). Riley-Smith è stato fondatore e presidente della Società per lo studio delle Crociate.