Terremoto, D’Alì (Forza Italia): Errani e la sinistra dissero no alla rilevazione dei rischi sismici

MeteoWeb

Oggi, nel commemorare le vittime del terremoto dello scorso 24 agosto, il presidente Grasso ha denunciato la mancanza di prevenzione nei paesi ricompresi nelle aree a rischio sismico. Nell’unirci al grande cordoglio per le vittime e per i disastrati paesi colpiti dal Sisma, ci permettiamo ricordare che il governo Berlusconi, con il decreto 39/2009(Decreto Abruzzo), all’art.11, aveva previsto che la Protezione civile venisse immediatamente attivata per una rilevazione, in tutta Italia, delle zone a rischio sismico, con priorita’ per i territori dell’Appennino centrale“. Lo dichiara il senatore di Forza Italia, Antonio d’Ali’, vicepresidente del gruppo. “La sinistra allora pretese – aggiunge d’Ali’ – che quella previsione venisse cancellata sulla base di un parere della Conferenza Stato-Regioni che rivendicava alla stessa la competenza a intervenire in materia. Di conseguenza l’art.11 di quel decreto fu modificato in Parlamento eliminando la previsione dell’urgente monitoraggio sismico. Avvenne, altresi’, che le Regioni puntualmente non fecero nulla rispetto a quanto avevano rivendicato. Per uno strano(?) caso, presidente di quella Conferenza Stato-Regioni era al tempo proprio Vasco Errani, che oggi il governo Renzi ha nominato commissario straordinario per la ricostruzione. Classica vendetta della storia – conclude – o gravi mancanze di memoria o di conoscenza di fatti da parte di chi ci governa?“.