Terremoto ‘fantasma’ in Abruzzo: errore nel dialogo uomo-computer

MeteoWeb

I piccoli terremoti non sono semplici da decifrare. I computer da soli non ce la fanno, e serve la sensibilità di un esperto essere umano per valutare la reale magnitudo considerando solo i dati più affidabili. Se questo non accade, per un’incomprensione nel dialogo uomo-macchina, può nascere un terremoto ‘fantasma’, come quello che si e’ verificato oggi pomeriggio in Abruzzo. La scossa, registrata alle 13:27 nei pressi di Montereale (L’Aquila), e’ stata immediatamente valutata dal sistema informatico dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv), che in prima battuta ha stimato una magnitudo pari a 3.3. ”I nostri computer operano 24 ore su 24, monitorando il continuo flusso di dati provenienti dalle oltre 450 stazione sismiche sparse in tutta Italia”, spiega Salvatore Mazza, direttore del Centro Nazionale Terremoti Ingv.

Quando il computer avverte un segnale strano che fa pensare ad un terremoto, inizia un incrocio automatico dei dati delle stazioni nella zona interessata, in modo da fare un quadro più preciso della situazione. ”Spesso, pero’, i computer non riescono a selezionare i dati piu’ affidabili: per questo motivo – precisa l’esperto Ingv – e’ sempre previsto l’intervento del turnista, che controlla e corregge il tiro’‘. Anche questo pomeriggio l’operatore di turno aveva intuito che i calcoli fatti in maniera automatica dal computer fossero errati, e per questo aveva provveduto a correggerli, valutando la magnitudo dell’evento pari a 1.2. ”Alla fine dell’operazione, pero’, il computer non ha ricevuto il comando che imponeva di non considerare il primo valore scorretto – spiega Mazza – e cosi’ ha inviato in automatico la segnalazione sbagliata”.