Terremoto: ecco come Montegallo si rialza dopo il sisma

MeteoWeb

Montegallo, il comune ascolano devastato dal terremoto del 24 agosto, si sta rialzando in piedi grazie all’aiuto della Regione Emilia-Romagna. Questi i dettagli del progetto del Centro polifunzionale, illustrato oggi durante la visita del presidente della Regione E-R Stefano Bonaccini e del commissario per la ricostruzione Vasco Errani. Allestimento di 20 moduli temporanei, da 6×2.5 metri ciascuno, donati a titolo gratuito dalla Cpl di Concordia, in accordo con Legacoop, con la collaborazione di Trascoop, in grado di coprire una superficie complessiva di 300 mq, completi di bagni. Al progetto partecipa anche la ditta Cmb di Carpi. I moduli provvisori forniti dalla Cpl di Concordia erano gia’ stati utilizzati durante l’emergenza Sisma del 2012 in Emilia-Romagna. Allestimento di 2 moduli di 91 mq ciascuno (composti da 7 blocchi prefabbricati con 4 locali, una sala di attesa e due servizi) donati a titolo gratuito dall’Ance di Modena (la ditta e’ l’Aec Costruzioni di San Possidonio).

Ospiteranno gli uffici del Municipio di Montegallo. Anche queste strutture erano state utilizzate nell’area del cratere durante l’emergenza Sisma del 2012. Nel progetto sono inoltre impegnate le aziende di servizi Hera, AcegasApsAmga del gruppo Hera e Aimag che hanno gia’ dato all’Agenzia la disponibilita’ a inviare squadre a supporto del lavoro dei tecnici comunali (per le opere di urbanizzazione e gli allacciamenti). La Regione Emilia-Romagna ha aperto un conto corrente unico per la raccolta di fondi che saranno destinati alle esigenze delle popolazione e dei territori colpiti: Iban IT69G0200802435000104428964 – Intestazione e causale: “Emilia-Romagna per Sisma Centro Italia”.