Ambiente: individuata una molecola in grado di spiegare smog e cambiamenti climatici

MeteoWeb

Individuata una molecola in grado di spiegare, in parte, l’inquinamento atmosferico, il riscaldamento climatico, e l’impatto dei combustibili fossili nell’aria. A riuscirci i ricercatori guidati da Jun Ye, del Jila (Joint Institute for lab astrophysicis) di Boulder in Colorado, il cui studio e’ pubblicato sulla rivista Science. Sono partiti da una comune reazione chimica nell’atmosfera, nota da anni, che combina una molecola di idrossile (cioe’ il prodotto della reazione tra acqua e ossigeno) e il monossido di carbonio, per formare idrogeno e anidride carbonica, insieme al calore. Alcune anomalie osservate indicavano la presenza di una molecola intermedia, l’idrocarbossile, di cui non era stato possibile capirne bene le caratteristiche, per l’impossiblita’ di osservare la reazione chimica direttamente in condizioni simili a quelle naturali.

Eseguendo invece la reazione chimica in modo nuovo, controllandola con strumenti artificiali invece di affidarsi alla natura, ”siamo riusciti a seguire la reazione passo dopo passo, e capirla completamente. Ora possiamo fare dei modelli piu’ accurati dei processi chimici atmosferici, anche su come si forma l’inquinamento dell’aria”, precisa Ye. Un altro studio, coordinato da Eimear Dunne, dell’Istituto metereologico finlandese, e’ invece riuscito a stabilire che le particelle che si formano nell’atmosfera sono tutte collegate all’ammoniaca e ai composti organici creati dall’uomo, e non alle radiazioni solari o i raggi cosmici. Finora determinare la loro diversa origine era stato difficile, per la mancanza di misure di laboratorio con i parametri atmosferici. I ricercatori finlandesi ci sono riusciti con l’esperimento Cloud (Cosmics Leaving Outdoor Droplet), utilizzando un acceleratore di particelle ad alta energia, grazie a cui hanno scoperto che il tasso di formazione delle particelle di aerosol viene potenziato dall’aumento dell’ammoniaca e di composti organici, mentre l’intensita’ dei raggi cosmici ha poco effetto.