BookCity Milano, quattro giorni per i libri e una città felice

MeteoWeb

Quattro giorni per vivere l’esperienza della lettura in tutte le sue facce. Torna BookCity Milano, la manifestazione dedicata i libri organizzata dal Comune meneghino e dall’Associazione BookCity, che dal 17 al 20 novembre offrirà al pubblico 1070 eventi di ogni tipo. A fare gli onori di casa, in una conferenza stampa di presentazione decisamente affollata, l’assessore alla Cultura di Milano, Filippo Del Corno. “Bookcity – ci ha detto – ormai è entrato nel cuore dei milanesi, è una manifestazione che davvero coinvolge l’intera città, tutta Milano si trasforma in una sorta di grande biblioteca, di grande libreria, dove si legge, dove si discute, dove si parla e, soprattutto, si condivide l’esperienza della lettura”. Un’esperienza che, in questo 2016, si svilupperà intorno a quattro punti cardinali, oltre cuore rappresentato, come da tradizione, dal Castello Sforzesco. Ad esso si aggiungono la Triennale, il Museo nazionale della Scienza e della Tecnica Leonardo da Vinci, il complesso Mudec-Base e il Teatro Franco Parenti. A rappresentare l’organizzazione sul palco c’era anche il presidente dell’Associazione BookCity, Piergaetano Marchetti. “I circa mille eventi dell’edizione 2016 non sono frutto di una via eventistica, ma sono la risposta a richieste che ci sono venute dal mondo dell’editoria in tutte le sue articolazioni”. Molti i nomi di rilievo tra gli ospiti, a partire dalla scrittrice turca Elif Shafak, che riceverà il Sigillo della Città, ma Del Corno punta in particolare su un grande evento collettivo. “Vorrei concentrarmi – ha aggiunto l’assessore – una novità, quella del progetto che ha realizzato Daniele Abbado, che faremo in collaborazione con la Scala, una grande maratona di lettura, una grande manifestazione che coinvolgerà davvero tutta la città e che avrà luogo ai Laboratori Ansaldo del Teatro Alla Scala nei giorni di chiusura di Bookcity”. L’intento di questa quinta edizione è dichiarato: promuovere la lettura, con l’obiettivo di avere una città più felice