Clima, l’esperto CNR lancia l’allarme: “Il drastico aumento delle C02 intensifica gli eventi estremi”

MeteoWeb

In circa 800mila anni, nel nostro mondo la concentrazione di CO2 non è mai stata così alta come oggi. Non sappiamo quali potranno essere gli effetti e se ad esempio ci saranno eventi catastrofici come nel film ‘The day after tomorrow’. Al momento le nostre proiezioni suggeriscono che l’aumento delle emissioni di CO2 stanno cambiando il nostro Clima, intensificando alcuni eventi: piove di più quando e laddove piove, e fa più secco quando e laddove c’è siccità“. Sono queste le considerazioni espresse all’Agi da Antonello Provenzale, direttore dell’Istituto di Geoscienze e Georisorse del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr), commentando il superamento della soglia delle 400 parti per milione di concentrazione di CO2 nel 2015, segnalata dall’Organizzazione mondiale della meteorologia.

14La soglia delle 400 parti di anidride carbonica per milione è più un simbolo, o meglio un segnale che bisogna fare subito qualcosa per sperare di poter tornare indietro e ristabilire l’equilibrio del nostro Pianeta“, ha detto Provenzale. “E’ evidente che non possiamo piu’ negare il ruolo delle nostre emissioni di CO2 sui cambiamenti climatici e sul riscaldamento globale. Ora si tratta di capire – ha continuato – cosa possiamo fare per migliorare le nostre previsioni e proiezioni, o cosa possiamo fare per adattarci”. L’esperto ha posto l’accento, in particolare, sui possibili effetti sulla costa Nord del Mediterraneo. “Gia’ da 10 anni e’ evidente una maggiore tendenza all’aridita’ e alla siccita’“, ha sottolineato Provenzale. “A preoccupare non e’ il destino di singole specie animali, ma come noi essere umani reagiremo a eventuali cambiamenti dell’ecosistema“, ha concluso.