La scienza a fumetti: al via un progetto dedicato alle scuole

MeteoWeb

Avvicinare i giovani al mondo della scienza in modo attivo e originale. E’ l’obiettivo de ‘I ragazzi di Pasteur’, iniziativa inedita che unisce scienza e fumetti con gli studenti come autori e protagonisti, presentata oggi all’Universita’ Sapienza di Roma. Il progetto, promosso dalla IBSA Foundation for scientific research e dall’Istituto Pasteur Italia, e’ dedicato ai ragazzi delle scuole secondarie di primo e secondo grado e lancia una doppia proposta formativa: da un lato una collana di volumi pensata per permettere ai ragazzi di imparare la scienza divertendosi e dall’altro il concorso nazionale “Le bufale in rete: come riconoscerle!“, per stimolare i giovanissimi a individuare le false notizie che circolano in rete, in particolare su temi scientifici. “Sono tante le truffe ideologiche che, senza filtri e tra allarmi ingiustificati, prendono facilmente piede a danno della salute e del progresso scientifico.

Per smentirle e sgonfiarle non abbiamo bisogno solo di pazienti consapevoli, ma soprattutto di cittadini piu’ informati e capaci di controllare e selezionare le fonti”, ha dichiarato Stefania Giannini, Ministro dell’Istruzione, dell’Universita’ e della Ricerca. Sulla stessa linea Beatrice Lorenzin, Ministro della Salute, secondo cui ogni iniziativa deve affermare “la verita’ della scienza, del suo metodo”. “I ragazzi di Pasteur” e’ una serie di volumi pensata per permettere ai ragazzi di imparare la scienza divertendosi, edita da Carocci editore, e’ distribuita gratuitamente nella maggior parte delle scuole italiane. La collana prende il via con il volume ‘Storie di cellule staminali’. Previsto anche un concorso nazionale a premi rivolto alle scuole secondarie di primo e secondo grado che invita gli studenti a realizzare un fumetto dal titolo “Le bufale in rete: come riconoscerle!” cioe’ come individuare le false notizie che circolano in rete, e in particolare su temi scientifici.

Alle scuole che avranno presentato i migliori lavori saranno riconosciuti premi in denaro e microscopi ottici da laboratorio. I lavori dovranno essere inviati per via telematica a Carocci editore entro e non oltre il 31 gennaio 2017. I risultati saranno pubblicati sui siti www.istitutopasteur.it e www.ibsafoundation.org entro il 28 febbraio 2017.