Polonia donne di nuovo in piazza contro il governo che vuole approvare una legge anti-aborto

MeteoWeb

Le donne polacche sono uscite oggi di nuovo vestite in nero nelle strade per esprimere il loro disaccordo sul progetto di legge anti-aborto del governo polacco dominato da partito populista “Diritto e giustizia” (Pis) di Jaroslaw Kaczynski. L’aborto verrebbe anche vietato nel casi di malformazioni del feto scoperti durante le analisi prenatali. “Ora basta, non ce la facciamo piu'”, hanno gridato circa 2.500 donne riunitesi sotto la sede del Sejm a Varsavia. Una identica scritta e’ stata formata con i loro corpi da persone incontratesi nel parco Blonie di Cracovia. Altre manifestazioni anche a Stettino, Danzica e Breslavia. La protesta e’ la continuazione di quella del 3 ottobre scorso, alla quale hanno partecipato migliaia di donne in tutto il Paese. Quel giorno, nonostante la pioggia, le ‘donne in nero’ contestarono il progetto di eliminare la legge che dal 1993 permette l’aborto anche se solo in caso di stupro, rischio per la vita della madre e malformazione feto. Dal canto suo Kaczynski ha affermato che anche le gravidanze difficili dovrebbero concludersi con il parto “affinche’ il bambino possa essere battezzato”. La protesta continuera’ anche domani.