Ponte del 1 novembre: 3 italiani su 4 in visita ai defunti

MeteoWeb

Tre italiani su quattro (73%) quest’anno si recano in visita nei cimiteri per donare un fiore ai propri cari anche affrontando lunghi viaggi per tornare nei luoghi di origine“. E’ quanto emerge dal sondaggio on line condotto dal sito coldiretti.it in occasione delle festivita’ di Ognissanti e del ponte del 1 novembre nel sottolineare che si tratta di una fetta consistente dei 7 milioni di italiani che hanno deciso di trascorrere una notte fuori casa. “La visita ai defunti e’ una delle tradizioni piu’ radicate degli italiani che colgono l’occasione anche per la visita a parenti e amici e per passare qualche giorno di relax nei luoghi del ricordo. Grazie alla collocazione piu’ favorevole della festivita’ rispetto allo scorso anno, quest’anno le partenze complessivamente – precisa la Coldiretti – sono aumentate e in molti hanno colto l’occasione per programmare anche qualche giorno di vacanza. Sotto la spinta delle previsioni favorevoli e del conveniente rapporto prezzo/qualita’ viene premiato l’agriturismo dove, secondo le elaborazioni Terranostra-Coldiretti, e’ stato scelto da quasi 400mila gli italiani. Se la buona tavola e’ una delle ragioni principali per scegliere gli agriturismi italiani, ad attrarre i vacanzieri e’ anche la ricca offerta di attivita’ all’aria aperta che – sottolinea la Coldiretti – va dalle fattorie didattiche per i piu’ piccoli all’equitazione, tiro con l’arco, trekking, in quasi la meta’ non mancano attivita’ culturali come la visita di percorsi archeologici o naturalistici particolarmente apprezzate in tempi di funghi, tartufi e castagne“.

Molto interesse infatti – continua la Coldiretti – riscuotono tra i buongustai le tradizionali sagre d’autunno per scoprire tradizioni gastronomiche locali attraverso piatti tipici a base di queste specialita’. Sono in molti pero’ quelli che si impegnano nella ricerca dei frutti dell’autunno, dai funghi alle castagne ma anche chi vuole assistere alle attivita’ di raccolta delle olive e alla molitura o la vendemmia che in molti territori quest’anno non sono ancora terminate per l’andamento climatico anomalo. Ma c’e’ anche chi – conclude la Coldiretti – si accontenta di passeggiare nei boschi per osservare il foliage quel fenomeno spontaneo per cui alcune specie di alberi in autunno cambiano il colore delle loro foglie, passando dal verde al giallo, l’arancione, il rosso e il marrone. Un evento naturale che si trasforma in un grande spettacolo, con centinaia di fan armati di scarponcini e macchina fotografica“.