Premio nobel per la letteratura a Bob Dylan: “è come i grandi poeti greci Omero e Saffo”

MeteoWeb

“Spero non ci siano critiche per questo premio”. L’auspicio e’ di Sara Danius, segretaria permanente dell’Accademia Svedese, che ogni anno assegna il Nobel. La scrittrice spiega perche’ assegnarlo a un cantautore come Bob Dylan non e’ un atto rivoluzionario. “Puo’ sembrarlo – sottolinea in un’intervista rilasciata subito dopo l’annuncio del vincitore del Nobel per la Letteratura -, ma se si guarda indietro a 2500 anni fa, si incontrano poeti come Omero o Saffo che scrissero testi che dovevano essere interpretati o ascoltati anche con l’accompagnamento di strumenti musicali. Lo stesso accade con Bob Dylan. Noi leggiamo ancora Omero e Saffo e ci piacciono, anche Dylan puo’ e dovrebbe essere letto oggi, perche’ e’ un grande poeta”. La motivazione ufficiale e’ “per aver creato una nuova espressione poetica nell’ambito della tradizione della grande canzone americana”. “Bob Dylan scrive poesia per le orecchie, ma e’ del tutto corretto leggere il suo lavoro come poesia – aggiunge Danius -. E’ un grande poeta della tradizione in lingua inglese, un esempio meraviglioso e molto originale di quella tradizione. Per 54 anni e’ stato attivo e ha reinventato se stesso costantemente, creando sempre nuove identita'”. Secondo la docente universitaria e saggista svedese, “se si vuole iniziare ad ascoltare o leggere la sua poetica si potrebbe partire da Blonde on Blonde, album del 1966 che contiene molti classici ed e’ uno straordinario esempio del suo brillante modo di mettere insieme i versi e della sua visione delle cose”. Quanto al suo personale rapporto con il cantante americano, Danius fa sapere di non essere stata una sua fan. “Non ho ascoltato molto le sue canzoni, ma erano sempre intorno – sottolinea -. Conosco la sua musica e ho cominciato a apprezzarlo molto piu’ ora che in passato. Ero fan di David Bowie, forse e’ una questione generazionale”.