Raffreddori autunnali: le regole igieniche e alimentari per prevenirli

MeteoWeb

Con l’arrivo dell’autunno, i primi raffreddori sono dietro l’angolo, portando con sé fastidiosi sintomi: naso chiuso, sonori starnuti, rallentamento della routine quotidiana per via di dolori muscolari, mal di gola e mal di testa, occhi che lacrimano, perdita temporanea dell’olfatto.

Come prevenire i raffreddori autunnali? Attenzione all’alimentazione. Privilegiate agrumi (arance, mandarini, limoni), kiwi, peperoni, cavoli, broccoli; cibi ricchi di vitamina C, vero e proprio antinfiammatorio naturale con proprietà antivirali e antibatteriche; cereali integrali, gustosissimi anche come ingredienti per golose colazioni o saporite zuppe autunnali; frumento, farro, riso e orzo integrali, ricchi di vitamina B6 che rinforza i nostri anticorpi; frutta secca in guscio e olio extravergine d’oliva, alimenti cardine della dieta mediterranea; pesce e frutti di mare, zucca, carote, pomodori e spinaci, verdure stagionali che forniscono betacarotene, precursore della vitamina; aglio e cipolla, veri e propri antibiotici naturali.

RAFFREDDORI AUTUNNALIPer prevenire il raffreddore autunnale, occhio all’igiene: lavatevi spesso le mani e, se non vi è possibile usare acqua e sapone, utilizzate formulazioni gel contenenti alcol in concentrazione uguale o superiore al 60%. Evitate di toccarvi il viso: naso, bocca e occhi sono le porte d’ingresso dei virus nell’organismo; utilizzate fazzolettini monouso per soffiarvi il naso o tossire, buttandoli subito dopo nell’immondizia.  Evitate i luoghi affollati, non fumate, evitate gli sbalzi di temperatura, dedicatevi ad una moderata ma salutare attività fisica, bevete molti liquidi (almeno due litri di acqua al giorno), imponetevi il riposo, senza sottoporvi a stress inutili.

RAFFREDDORI AUTUNNALI 2Se un familiare è ammalato, ricordate che le superfici, soprattutto quelle dei comodini, del bagno e della cucina, e i giocattoli dei bambini, possono essere contaminati dai virus. Per questo motivo vanno tenuti puliti utilizzando un prodotto ad azione disinfettante. Ancora meglio, utilizzare provvisoriamente tovaglioli, piatti e posate usa e getta, aerando spesso le stanze in cui si soggiorna, facendo attenzione a non esporsi a colpi d’aria o sbalzi di temperatura.