Realizzata etichetta che vede i raggi X: potrà essere utilizzata in medicina

MeteoWeb

Dai ricercatori delle università di Bologna e Cagliari un innovativo rivelatore di radiazione ionizzante. Sara’ utile in medicina, per misurare le radiazioni, e per creare “smart tag” utili a identificare e monitorare anche merci e bagagli. E’ nato dal progetto europeo i-Flexis: in campo lo staff del Dipartimento di Ingegneria elettrica ed elettronica guidato da Annalisa Bonfiglio. L’interesse, anche commerciale, per innovativi rivelatori di radiazioni ionizzanti sta crescendo rapidamente. Ma i rivelatori tradizionali – spiega l’Universita’ – a stato solido soffrono di limitazioni dovute a processi di fabbricazione complessi e alla loro rigidita’ meccanica. Per superare questi problemi, il gruppo di ricerca ha sviluppato, per la prima volta, l’utilizzo di semiconduttori a matrice organica, utilizzando processi di fabbricazione additivi e a basso costo.

E’ stata superata – precisa l’Ateneo – una delle limitazioni piu’ importanti nell’uso dei semiconduttori organici, ovvero le alte tensioni, normalmente necessarie per ottenere segnali rilevanti. Questo apre la strada ad applicazioni portatili di grande rilevanza pratica“. Al centro dei nuovi rivelatori c’e’ un film microcristallino di una molecola organica (TIPS-pentacene) che viene depositato con un processo di stampa a getto di inchiostro su un substrato plastico flessibile. Il risultato e’ un dispositivo in grado di operare con una tensione di alimentazione ultra-bassa fornendo una risposta elettrica in tempo reale in presenza di una radiazione ionizzante, come ad esempio raggi X.