Ricostruita la “nascita” della Via Lattea grazie ad un ammasso globulare antico quanto l’Universo

MeteoWeb

Ricostruita la “nascita” della Via Lattea, grazie agli indizi forniti da un antico ammasso di globulare, ovvero un insieme di stelle che orbita come un satellite intorno al centro di una galassia. E’ stato possibile con il telescopio Gemini Sud, che si trova in Cile. La ricerca, pubblicata sull’Astrophysical Journal, e’ stata condotta da Douglas Geisler, dell’Universita’ cilena di Concepcion e la prima autrice e’ l’italiana Sara Saracino, dell’Universita’ di Bologna. Le immagini, che hanno un dettaglio senza procedenti e hanno messo a fuoco le singole stelle, hanno permesso di calcolare che l’ammasso globulare ha un’eta’ compresa tra 11.5 e 12.5 miliardi di anni, molto vicina a quella dell’Universo.

I ricercatori hanno potuto fare anche uno studio dettagliato della distribuzione delle stelle, trovando tracce di un aumento significativo di quelle di piccola massa a distanze crescenti dal centro. Calcolare l’eta’ dell’ammasso con precisione aiuta a capire meglio come si e’ formata e come si sta evolvendo la regione piu’ antica della della Via Lattea. ”Per studiare le singole stelle in ambienti densi come gli ammassi globulari e’ fondamentale disporre di strumenti ad alta risoluzione spaziale”, commenta Sara Saracino.Per moltissimi anni l’unico telescopio capace di una simile impresa e’ stato Hubble. Ora – conclude – risultati simili possono essere raggiunti anche da terra, grazie al telescopio Gemini Sud”.