Spazio, Carnelli (ESA): l’impatto di un asteroide sulla Terra “è una probabilità remota, ma non impossibile”

MeteoWeb

L’impatto di un asteroide sulla Terra “è una probabilità remota, ma non impossibile“, spiega in una intervista, Ian Carnelli, l’ingegnere dell’Esa, l’Agenzia spaziale europea, a capo del progetto Aim (Asteroid Impact Mission). “Sul nostro Pianeta ci sono diversi crateri a dimostrarlo“, “attualmente ci sono 554 asteroidi potenzialmente pericolosi, corpi spaziali vicini all’orbita terrestre che non è escluso possano un giorno scontrarsi con noi: al momento c’è una probabilità su 700mila di assistere a un impatto simile. Ma in futuro tutto potrebbe cambiare“. Il progetto Aim (Asteroid Impact Mission) ha lo scopo di testare una strategia per evitare che un asteroide si schianti sulla Terra: la missione “è stata progettata per testare una tecnica di deflessione e raccogliere dati sulle proprietà fisiche degli asteroidi. L’obiettivo è Didymos, un asteroide che si prevede passerà vicino alla Terra nel 2022: è un sistema binario, costituito da un corpo maggiore con un diametro di 800 metri e una piccola luna, grande 170 metri che gli orbita attorno. L’obiettivo della missione è questa luna, su cui verrà testato il cosiddetto ‘impatto cinetico’” che consiste “nel far scontrare una sonda con l’asteroide, rallentandolo e costringendolo a cambiare traiettoria. Ed è quello che farà la sonda ‘Dart’ (Double Asteroid Redirection Test) della Nasa, partner del nostro progetto. L’impatto è previsto nell’ottobre 2022 a circa 6 km al secondo. Questa velocità dovrebbe bastare a modificare la velocità della luna di circa mezzo millimetro al secondo. Nel frattempo, la sonda ‘Aim’ raccoglierà immagini, studierà le proprietà dell’asteroide e i detriti rilasciati. Non solo. Avremo l’opportunità di testare strumenti molto avanzati, realizzati anche con start-up italiane“. Se l’Esa darà l’ok definito al progetto a dicembre, la missione partirà “a novembre 2020. Poi ci vorrà un anno e mezzo per raggiungere l’obiettivo, nel maggio 2022. L’impatto cinetico avverrà dopo qualche mese e lo spettacolo sarà visibile dai radiotelescopi sulla Terra“.