Spazio: dal deserto dell’Australia arriva la grande mappa del cielo radio di GLEAM

MeteoWeb

Come ci apparirebbe il cielo se potessimo osservarlo nelle onde radio? Un quadro coloratissimo dalle tinte mai viste. Così ce lo presenta GLEAM, GaLactic and Extragalactic All-sky MWA, la campagna di osservazione che ha mappato 300.000 galassie servendosi del Murchison Widefield Array (MWA), un radio telescopio da 50 milioni di dollari situato nel remoto entroterra australiano, a nord-est di Geraldton.

La mappatura radio di GLEAM presenta varietà e vivacità cromatiche senza precedenti. “E’ la prima immagine del cielo radio in technicolor” commenta Natasha Hurley-Walker della Curtin University e dell’International Centre for Radio Astronomy Research, prima autrice dello studio pubblicato sulla rivista Monthly Notices della Royal Astronomical Society.

L’occhio umano vede confrontando la luminosità in tre diversi colori primari: rosso, verde e blu“, spiega la Hurley-Walker. “GLEAM fa un po’ meglio di così: il suo sguardo sul cielo comprende 20 colori primari. E non ha rivali neanche nel regno animale, surclassando la super-vista del gambero mantide che pure può riuscire a distinguere fino a 12 diversi colori primari”.

GLEAM – spiega l’Agenzia Spaziale Italiana – è un’indagine su grande scala ad alta risoluzione del cielo radio ottenuta grazie alle osservazioni del telescopio MWA. Lo strumento è in grado di captare tutte quelle onde radio che sono comprese tra 70 e 230 MHz, una parte delle quali è in viaggio nello spazio da miliardi di anni.

Il nostro team sta utilizzando questa survey per scoprire cosa succede quando ammassi di galassie collidono“, ha affermato Hurley-Walker. “Siamo anche in grado di vedere i resti delle esplosioni delle stelle più antiche della nostra galassia e di ‘ascoltare’ i primi e gli ultimi sussulti di buchi neri supermassicci.”

Nella mappa di GLEAM manca però all’appello, al momento, una parte di onde nella bassa frequenza. Toccherà al radiotelescopio internazionale SKA-low Square Kilometre Array, attualmente in fase di realizzazione in Australia e capace di ‘sentire’ onde da 50MHz fino a 350MHz, il compito di completare il quadro e aggiungere le ‘tinte’ radio mancanti.

Nel frattempo, possiamo già esplorare il cielo in tutte le bande, da x a radio, con GLEAM-O-SCOPE, applet interattiva basata su Chromoscope.